Coronavirus il bollettino del 2 novembre. 59 positivi in provincia di Caltanissetta, 41 solo a Gela

795

Nelle ultime 24 ore sono stati riscontrati 59 pazienti positivi al SARS CoV-2: 41 di Gela, 6 di San Cataldo, 4 di Caltanissetta, 4 di Niscemi, 2 di Butera, 1 di Mussomeli e 1 di Resuttano. Tre pazienti sono stati ricoverati presso l’unità operativa complessa di malattie Infettive dell’ospedale Vittorio Emanuele (uno è di Gela e due provengono da fuori provincia). Presso lo stesso reparto è avvenuto il decesso di un paziente. Tre pazienti sono stati ricoverati nelle ultime ore all’ospedale S.Elia di Caltanissetta: uno del capoluogo, uno proveniente da Montedoro e uno da fuori provincia.

Sono 720 i casi attualmente positivi in provincia di Caltanissetta. Di questi 663 si trovano in isolamento domiciliare, 51 ricoverati in malattie infettive (23 provengono da fuori provincia) e 6 in terapia intensiva (5 sono della provincia di Caltanissetta). Altri sei pazienti nisseni sono ricoverati in ospedali fuori provincia. Dall’inizio dell’epidemia il numero di casi positivi al virus è di 1091 unità, 339 i guariti. Oggi la stragrande maggioranza dei positivi a differenza della fase 1 vengono curati a casa dai sanitari delle unità speciali di continuità assistenziale. I protocolli di cura sono stati perfezionati e il tracciamento è esteso agli asintomatici. Da dieci giorni all’ospedale S.Elia è possibile eseguire i test rapidi con drive in, modalità con la quale sono stati eseguiti centinaia di tamponi anche a Gela. Lo screening nella città del Golfo proseguirà giovedì 5 e sabato 7 novembre presso l’Ex Terminal Bus alla Zona Industriale di contrada Brucazzi. Chi volesse sottoporsi a tampone a Gela può prenotarsi alla mail emergenzacovid19.gela@gmail.com o al n. 0933/906822. Lo screening è gratuito. I 41 positivi riscontrati oggi a Gela sono quelli sottoposti a tampone rapido nei giorni scorsi. L’Asp ha quindi eseguito un secondo tampone biomolecolare che ha confermato tutti gli esiti positivi dei test rapidi antigienici.

Leggi qui il report della situazione città per città

Commenta su Facebook