Coronavirus, Caltanissetta. Tre pazienti dimessi dal reparto di malattie infettive, l’aggiornamento con gli ultimi casi in provincia

298

L’Asp2 di Caltanissetta comunica l’aggiornamento sanitario dell’emergenza coronavirus con i dati relativi alle ultime 24 ore.

Alle 9 guarigioni registrate ieri si aggiungono oggi le dimissioni dall’ospedale S.Elia di tre pazienti. Si tratta di un paziente di Caltanissetta, uno di Mussomeli (l’infermiera del reparto di lungodegenza dell’ospedale Longo che era risultata positiva al tampone) e un paziente di San Cataldo. I tre dimessi dal reparto di malattie infettive tornano al loro domicilio.

Nelle comunità alloggio di Delia, Mussomeli e Montedoro (ne abbiamo parlato qui)  sono stati registrati complessivamente 7 casi di contagio dal coronavirus. Si tratta di sei ospiti delle rispettive strutture e di un operatore di Campofranco che lavora a Montedoro. Di questi solo un anziano di Montedoro è stato ricoverato al Sant’Elia. Gli altri restano isolati all’interno delle strutture o a domicilio.

Nella tabella che quotidianamente l’Asp2 aggiorna e trasmette alla stampa è stata eliminata la colonna dei “Guariti clinicamente”. Sono i pazienti dimessi dall’ospedale che di fatto tornano in quarantena. Dalla giornata di oggi si troverà dunque solo il dato aggregato dei casi positivi in isolamento domiciliare che via via verranno dichiarati guariti dal covid dopo il doppio tampone negativo. E’ stato anche eliminato il dato dei 5 pazienti provenienti da altra provincia perché rientrati nella provincia di residenza dopo le dimissioni dall’ospedale.

Il direttore generale dell’Asp, Alessandro Caltagirone comunica infine che è stato chiarito il motivo del dato difforme con la Regione e che nelle prossime 48 ore sarà allineato. La motivazione delle discrepanze sui numeri è legata al fatto che più tamponi fatti allo stesso soggetto – ad esempio tre tamponi su un paziente – venivano interpretati come tamponi eseguiti su tre soggetti differenti. 

Questo l’aggiornamento di oggi, martedì 5 maggio

Commenta su Facebook