Coronavirus, Caltanissetta: 70enne deceduta in ospedale. Salgono a 130 i casi dall’inizio dell’emergenza

2110

Due decessi nelle ultime 24 ore, uno in ospedale e uno in casa (una persona anziana con diverse patologie). Otto nuovi casi positivi, due ricoveri in malattie infettive e l’uscita dalla terapia intensiva di un paziente della provincia di Agrigento. E’ questo il quadro in sintesi del bollettino di oggi sull’emergenza coronavirus. 

Nelle ultime 24 ore si è registrato all’ospedale Sant’Elia il decesso di una paziente di 70 anni (classe 1949) di Caltanissetta positiva al coronavirus che era ricoverata in Terapia Intensiva. Dallo stesso reparto si registra l’uscita, in condizioni migliori, di un paziente con un quadro clinico riconducibile a caso Covid. Il paziente necessita di ulteriori cure ed è stato trasferito in Malattie Infettive. Un altro decesso si è registrato a San Cataldo dov’è morto in casa un paziente di 85 anni con diverse patologie. E’ morto stanotte, non c’era stata alcuna richiesta di ricovero.

Il dato dei ricoverati in malattie infettive al Sant’Elia si incrementa di due unità, si tratta di pazienti provenienti dalla provincia di Agrigento. 

All’esito di un elevato numero di tamponi effettuati sui cittadini in quarantena che si sono registrati dopo il 14 marzo sono emersi otto nuovi casi positivi. Sono tutti riconducibili a focolai o a soggetti risultati positivi ma già da tempo in isolamento. Circa 800 referti sono stati esitati ed inoltrati via email su circa 1000 tamponi già effettuati. 

Caltanissetta è la città con il maggior numero di casi. 35 quelli attualmente in quarantena domiciliare, 9 in malattie infettive, 3 ricoverati fuori provincia, 3 guariti e 4 deceduti. Dopo Caltanissetta per numero di casi seguono San Cataldo e Gela. Il dato delle persone decedute è pari a 12.

Qui il riepilogo aggiornato

 

Commenta su Facebook