Controlli del territorio di polizia e carabinieri. Due segnalati, 14 multe e una patente ritirata

328

Due giorni consecutivi di controlli da parte delle forze dell’ordine nel territorio nisseno. La scorsa notte i carabinieri del comando Compagnia di Caltanissetta sono stati impegnati in un ampio servizio di controllo dei veicoli in transito sulle principali arterie di comunicazione, al fine di prevenire i fenomeni più diffusi di criminalità comune e la guida in stato di ebbrezza alcolica.

Durante l’attività è stato segnalato in Prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti un giovane di San Cataldo mentre a Sommatino una persona residente nella provincia di Agrigento, alla guida di un’autovettura di grossa cilindrata, è risultata positiva all’alcol test. In quest’ultima circostanza i militari hanno ritirato la patente al guidatore.

La notte precedente i controlli della polizia di Stato si erano invece concentrati nel centro storico con 16 perquisizioni personali e quattordici contravvenzioni al codice della strada (tre per guida senza copertura assicurativa del mezzo, due per guida senza patente, due per velocità non commisurata, quattro per mancata revisione del mezzo, una per guida sotto l’influenza dell’alcol, una per non aver ottemperato all’alt polizia e una per sosta vietata). Nell’occasione un fuoristrada non si è fermato all’alt polizia intimato dagli agenti in via Re d’Italia. Il conducente, una volta bloccato, è stato sanzionato per guida sotto l’influenza dell’alcol e per aver ignorato l’alt.

I poliziotti della sezione volanti, coadiuvati da pattuglie della polizia di Stato del reparto prevenzione crimine di Palermo, su disposizione del Questore Signer, hanno eseguito controlli presso il centro storico finalizzati alla prevenzione della commissione di reati contro il patrimonio e degli incidenti stradali a causa dell’abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti. Le pattuglie della polizia hanno eseguito nove posti di blocco controllando 104 persone e 59 automezzi. Controllate 21 persone sottoposte a misure anticrimine.

Commenta su Facebook