Confiscati beni per dieci milioni di euro ala famiglia Allegro

2616

polizia sale giocopolizia sale giocopolizia sale giocoCaltanissetta – Operazione “LES JEUX SONT FAITS , confiscati beni per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro.

La Squadra Mobile, Sezione criminalità organizzata, ha eseguito una misura di prevenzione patrimoniale ed in particolare provvedimento di confisca, emesso dal Tribunale di Caltanissetta – Sezione Misure di Prevenzione – in data 7 Maggio 2014 e depositato in data 22 Maggio 2014, su richiesta del P.M., Giovanni DI LEO, sui beni, mobili e immobili già in sequestro, appartenenti ad ALLEGRO Salvatore, cl.1956, ALLEGRO Matteo, cl.1980, ALLEGRO Luigi, cl.1983, ANGOTTI Marco, cl.1981,  MOSCA Giuseppa, cl.1961;

Contestualmente, con lo stesso provvedimento, coadiuvata dalla Sezione misure di prevenzione della locale Divisione Anticrimine, si è data esecuzione alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale della pubblica sicurezza, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, per la durata di tre anni, nei confronti di Matteo ALLEGRO classe 1980 e di ANGOTTI Marco classe 1981, in atto detenuto.

Relativamente al valore dei beni confiscati, risulterebbe aggirarsi al valore complessivo di oltre dieci milioni di euro.allegro-matteo

ELENCO DEI BENI CONFISCATI

1) quote societarie intestate ad Allegro Matteo e Salvatore (50% ciascuno) del capitale sociale della società “Eurogames 2000 S.r.l.”, con sede in Caltanissetta, via Santo Spirito;
2) quote societarie intestate ad Allegro Luigi e a Vullo Francesca Maria della società “Bet Games Group S.r.l.” con sede in Caltanissetta, via Gramsci;
3) impresa individuale “Allegro Luigi” con domicilio fiscale in Caltanissetta in via A. Musco e relativo complesso dei beni aziendali;
4) quote societarie della società “Bet Games 2000 S.r .l.” con sede in Caltanissetta, via F. Paladini;
5) piena proprietà di un’abitazione di tipo civile sita in Caltanissetta, contrada Firrio s.n.c.;
6) piena proprietà di un locale-negozi sito in Caltanissetta, corso Italia località S. Barbara, della superficie di circa 95 mq, intestato ad Allegro Salvatore;
7) autorimessa sita in Caltanissetta, via Filippo Paladini;
8) piena proprietà di terreni siti in Caltanissetta, contrada Firrio;
9) diritto di usufrutto di Allegro Salvatore su una abitazione in villini sita a Campofelice di Roccella (Pa), contrada Pistavecchia;
10) piena proprietà di una abitazione in villino sita in Campofelice di Roccella (Pa), contrada Torre Roccella;
11) diritti di usufrutto per diverse quote di Allegro Salvatore su fabbricati siti in Campofelice di Roccella (Pa), contrada Pistavecchia;
12) 3 autovetture Land Rover, Fiat Panda e Audi A8, intestate ad Allegro Salvatore;
13) 2 ciclomotori Piaggio e Chatenet, intestati ad Allegro Salvatore;
14) appartamento di abitazione civile sito in Caltanissetta, via Filippo Paladini;
13) autorimessa-box sita in Caltanissetta, via Filippo Paladini;
14) quota di proprietà pari ad 1/20 di Mosca Giuseppa su un’autorimessa sita in Campofelice di Roccella (Pa), contrada Pistavecchia;
15) autovettura Bmw Xdrive, intestata a Mosca Giuseppa;
16) conto corrente acceso presso Banca Monte dei Paschi di Siena intestato a Mosca Giuseppa;
17) piena proprietà di un’autorimessa sita in Caltanissetta, corso Italia, intestata ad Allegro Matteo;
18) piena proprietà di un’ abitazione sita in Caltanissetta, corso Italia, intestata ad Allegro Matteo;
19) diverse nude proprietà per quote intestate ad Allegro Matteo di un’autorimessa, abitazione e fabbricati siti in Campofelice di Roccella (Pa), contrada Pistavecchia;
20) 2 autovetture Mercedes intestate ad Allegro Matteo;
21) motociclo Piaggio Beverly 500, intestato ad Allegro Matteo
22) piena proprietà di un’abitazione in villini sita in Caltanissetta, contrada Firrio snc, intestata ad Allegro Luigi;
21) diverse nude proprietà intestate ad Allegro Luigi in Campofelice di Roccella (Pa), contrada Pistavecchia;
23) 2 autovetture Bmw Xdrive e Fiat 500 intestate ad Allegro Luigi;
24) 3 motocicli, intestato ad Allegro Luigi;
25) conto presso Poste Italiane S.p.a -Ufficio di Agrigento Centro, intestato ad Allegro Luigi;
26) piena proprietà di un fabbricato sito in Caltanissetta, corso Italia 130, intestata a Vullo Francesca Maria;
27) autovettura Porsche Cayenne 4.5, intestata a Vullo Francesca Maria;
28) dossier titoli acceso da Allegro Salvatore presso il Credito e contenente azioni BPSA;
28) deposito a risparmio aperto da MOSCA Giuseppa;
29) conto corrente acceso presso l’Unicredit intestato ad ALLEGRO Matteo;
30) conto corrente acceso presso Unicredit intestato ad ALLEGRO Luigi, già sottoposto a sequestro penale;
31) nr.3 polizze di pegno accese da MOSCA Giuseppa presso Unicredit;
32) conto corrente acceso presso Banca Nuova da Mosca Giuseppa;
33) nr.10 quote azionarie della S.G.Y. s.p.a. del valore complessivo di euro 10.000,00 di titolarità della Eurogames 2000 s.r.l.

Le organizzazioni criminali occupano fette sempre più ampie del mercato della distribuzione e della gestione degli apparecchi, avvalendosi della capacità di essere “convincenti” con gli esercenti per indurli a rivolgersi ad un dato fornitore e a cambiarlo qualora non sia quello desiderato da chi controlla “militarmente” il territorio. E’ da questo presupposto che era partita la Squadra Mobile, Sezione Criminalità organizzata – gruppo Polizia dei giochi e delle scommesse, quando nell’ottobre 2012 fecero partire la maxi operazione “Les jeux son faits” in cui venne sequestrato l’intero patrimonio aziendale e personale di Matteo Allegro e della sua famiglia. L’imprenditore, re delle slot machines, ha sempre respinto le accuse di aver imposto i suoi giochi e di avere collegamenti con Cosa Nostra. Una versione a cui la squadra mobile non ha mai creduto, fino ad arrivare alla confisca odierna che segue infatti il codice antimafia. Indipendentemente dal giudizio di merito che scaturirà dal processo in corso a Caltanissetta, lo Stato ha deciso di confiscare i beni. Si tratta di una confisca di primo grado, non definitiva.

 

Commenta su Facebook