Competenze linguistiche in Europa. Stage del Liceo Classico “R. Settimo” all'università di Hull

674

Classico studenti stageNell’ambito del progetto “English for the future. Developing microlanguages through language and culture”, finanziato dalla comunità europea C1-FSE-2011-2318, un gruppo di 13 alunni del Liceo Classico e Linguistico “R. Settimo” hanno partecipato ad uno stage presso la sede universitaria di Hull, nello Yorkshire, dove hanno sperimentato cosa sia la vita all’interno di un campus ed hanno effettuato un training linguistico molto intenso (100 ore). L’impostazione del corso è stata piuttosto interessante, in quanto il metodo per l’apprendimento si è rivelato integrato. Non solo lezioni in aula, dunque, ma momenti di gioco, visite guidate, cacce al tesoro, visione di filmati in lingua seguite da percorsi critici, spazi per il learning by doing (volti, ad esempio, a creare brevi guide per la conoscenza dei luoghi da visitare durante le escursioni). Attraverso il corso intensivo (dal 4 al 21 settembre) l’obiettivo che ci si è proposti è quello di far sostenere e superare gli esami per il conseguimento della certificazione C1, livello molto alto per il quale, bisogna sottolinearlo, non si è riservata la partecipazione soltanto agli studenti dell’indirizzo Linguistico, ma anche, e soprattutto, agli alunni del Classico che, come ha sottolineato il Dirigente Scolastico, prof. Vito Parisi, “devono aprirsi ad una dimensione più moderna ed europea”. Prerequisito per l’accesso al corso era la certificazione di livello B2, che tutti gli studenti già avevano e che ha consentito agli insegnanti in loco di creare percorsi particolarmente stimolanti, aiutati, a loro dire, dal fatto che i nostri alunni posseggono anche capacità critiche autonome, flessibilità di pensiero e un’impostazione nello studio non libresca ma personale. Stimolanti le visite in Scozia, ad Edimburgo, dove si è visitata non solo la città ma la “Scottish National Gallery”, con una puntatina a Rosslyn (sito reso celebre dal film “Il codice da Vinci”), a York e a Liverpool, per visitare il Museo dei Beatles (tappa fondamentale per i giovani perché si celebrano i 50 anni del gruppo) e l’area del porto patrimonio UNESCO.

Questi gli studenti interessati: Alletto Francesca (VA linguistico), Casano Federica, Lo Presti Laura, Maurici Costanza, Sarto Davide e Testaquatra Martina (IVB classico), Lauricella Carla, Lin Andrea, Manzone Cristina, Melfa Chiara (VC linguistico), Messina Martina e Potenza Maria Chiara (IV E Dams classico), Potenza Maria Elisa (IVD classico). La docente di lingue che si è occupata del progetto ed ha accompagnato gli alunni è la prof.ssa Caterina Miraglia, che ha intessuto relazioni fruttuose con i docenti e i dirigenti ad Hull, consentendo la perfetta riuscita del viaggio, coadiuvata dalla prof.ssa Aurelia Speziale, che si è occupata delle visite guidate ai siti di interesse storico-artistico.

Lo stage ha offerto anche un utile spunto di riflessione sui percorsi che la nostra scuola da anni ha intrapreso che sono certamente da rafforzare e sulla necessità di proiettare gli studenti, del Linguistico e del Classico, verso una dimensione della cultura più ampia e articolata, fondata sulla solida conoscenza del passato per costruire il futuro.

Commenta su Facebook