Commissioni "lampo". Alaimo (M5S): "nuovo regolamento pronto… a dire il vero già da un po'. Chi vuole lo voti domani"

751

Domani si svolgerà alle ore 10.30 una conferenza di capigruppo e presidenti di commissione, riunione aperta comunque a tutti i consiglieri comunali che volessero partecipare. “In questa occasione spero di potere esporre gli emendamenti allo Statuto comunale ed al Regolamento per la istituzione ed il funzionamento delle commissioni consiliari che ho personalmente scritto, a dire il vero, tempo fa”. Lo afferma il Capogruppo in consiglio comunale del Movimento 5 Stelle Valeria Alaimo. “Non faccio parte della Commissione Affari generali e mi sembrava doveroso che il consigliere Giovanni Magrì , anche lui del Movimento 5 Stelle e facente  parte, nonché Vicepresidente di detta commissione, proponesse in quella sede gli emendamenti”.
“Ci sta il sollevare un polverone su alcune questioni ma non siamo stati eletti per fare chiacchiere da Bar, come se fossimo ancora cittadini fuori dalle istituzioni. Siamo stati eletti per essere fautori del cambiamento dentro le istituzioni ed abbiamo tutti gli strumenti ed i poteri per cambiare le storture, ma in un periodo così delicato non dobbiamo permetterci di alimentare l’odio verso persone ed istituzioni”, afferma la Alaimo.
“Personalmente in conferenza di Capigruppo, Presidenti e Vicepresidenti di Commissione, mesi fa quando ero ancora vicepresidente della quarta commissione, dissi che qualcosa non andava. La risposta di alcuni colleghi non mi piacque. La Presidente Montagnino chiese a tutti di essere maggiormente rispettosi del nostro ruolo e di cambiare il regolamento se lo si riteneva opportuno, così feci scrivendo gli emendamenti allo Statuto e al Regolamento”.

Dopo quella riunione “avrei dovuto presentarli e faccio Mea culpa ma non volevo scavalcare il consigliere Magrì. Il consigliere però ha pensato bene nelle scorse settimane di lasciarsi andare ad improduttive dichiarazioni non supportate dal lavoro in consiglio”.

“Per tale motivo stamattina ho deposito gli emendamenti lasciando le chiacchiere a chi, a quanto pare, non sa fare altro.
Con gli emendamenti al Regolamento sulle commissioni consiliari proporrò: a) la durata minima delle commissioni di almeno 90 minuti; b ) il limite di 3 sedute settimanali di commissione fatta salva la possibilità di aumentare il numero,  al fine di una esaustiva trattazione di alcuni argomenti, per il termine non prorogabile di un mese e previa approvazione del Presidente del Consiglio comunale; c) la pubblicazione sul sito istituzionale del Comune dei verbali delle commissioni; d) la diretta streaming delle sedute delle commissioni. Invece con gli emendamenti allo Statuto chiederò che per la partecipazione al cd. Question time, seduta di consiglio in cui sono trattate interrogazioni ed interpellanze,  ai consiglieri non venga corrisposto il gettone di presenza e non occorra la partecipazione di 16 consiglieri su 30 per la validità della seduta”.
“Inoltre voglio con la presente chiedere al consigliere Giovanni Magrì di scusarsi  pubblicamente col Segretario verbalizzante della commisione Urbanistica Sig. Michelangelo Lacagnina di cui è stato messo in dubbio sino a ieri, nel corso di una trasmissione radiofonica, il proprio impegno sul luogo di lavoro. La politica ed il bene della città si possono fare anche senza la denigrazione”. Così so conclude il comunicato della consigliera Valeria Alaimo.

Commenta su Facebook