Commissione trasparenza, Petrantoni presidente. Polemico il “grillino” Magrì

575

Salvatore Petrantoni – consigliere comunale di Caltanissetta Protagonista – è il nuovo presidente della settima commissione Trasparenza del Comune di Caltanissetta con 11 voti.

Un voto, di palese protesta da parte del consigliere del Movimento 5 Stelle, Giovanni Magrì, è andato ad Antonio Favata, quando ormai aveva ritirato la propria candidatura.

Toti Petrantoni sarà affiancato dal democratico Luigi Romano che è stato eletto vicepresidente dell’organismo di controllo e verifica degli atti amministrativi.

Sull’elezione del nuovo presidente della commissione trasparenza il consigliere Giovanni Magrì è polemico. Giovanni Magrì2

“Il presidente uscente Bruzzaniti – afferma Magrì – pare sia riuscito a mantenere lo status quo, come se si fosse basato sulla teoria dell’imprinting sperimentata sulle oche da Lorenz: in poche ore si impara tutto. La Commissione come da regolamento vede il proprio presidente in un componente della minoranza ma i giochi che l’opposizione stessa ha fatto, sono da vera e propria stampella della maggioranza”.

Magrì si era candidato alla presidenza della commissione trasparenza, ma sarebbe stato disponibile a un passo indietro per sostenere la candidatura di Antonio Favata. Su quest’ultimo, secondo Magrì, a un certo punto non ci sarebbe più stata la convergenza di due consiglieri di Forza Italia che hanno appoggiato Petrantoni, consigliere d’opposizione tra i più critici con Caltanissetta Protagonista, nei confronti della giunta Ruvolo.

Commenta su Facebook