Codacons Caltanissetta, banche fallite, al via le domande al fondo indennizzo risparmiatori

261

Dal 22 agosto 2019 i 200 mila risparmiatori che hanno subito un danno da parte delle banche poste in liquidazione dal 16 novembre 2015 al 1° gennaio 2018 possono chiedere il rimborso delle azioni e obbligazioni acquistate.
È stato pubblicato, infatti, il decreto MEF che ha finalmente riconosciuto ai risparmiatori in possesso di titoli azionari o obbligazionari subordinati di banche liquidate la possibilità di accedere al fondo di indennizzo risparmiatori.
Possono accedere al FIR i risparmiatori persone fisiche, piccoli imprenditori e microimprese in possesso di azioni o di obbligazioni subordinate delle banche alla data del provvedimento di liquidazione o i loro eredi legittimi.

Confermato il doppio binario nell’indennizzo: il rimborso automatico è riservato ai possessori di azioni e obbligazioni subordinate delle banche interessate che dimostrano, però, di avere avuto un reddito complessivo Irpef (al netto delle rendite da previdenza complementare) nel 2018 inferiore ai 35 mila euro o di avere un patrimonio mobiliare inferiore a 100 mila euro, elevabile a 200 mila se la Commissione Europea darà il suo assenso.
Per tutti gli altri risparmiatori, invece, è previsto un rimborso semi-automatico, dietro presentazione di una domanda ad una Commissione tecnica di esperti creata ad hoc, allegando tutte le prove di avere subito una vendita scorretta di titoli senza rispettare le norme del TUF (testo unico in materia finanziaria).

I risparmiatori truffati dalle Banche coinvolte possono rivolersi alla sede provinciale del Codacons di Caltanissetta di Via G. Faletra n. 30 per ottenere dai legali dell’associazione, gli avvocati Daniela Dell’Utri e Giuseppe Orlando, informazioni sui termini e sulle modalità di presentazione della domanda di indennizzo delle somme perdute, telefonando al numero unico a pagamento 892.007 o scrivendo all’indirizzo caltanissetta@codaconsicilia.it.

Commenta su Facebook