Clamorosa smentita del Procuratore di Palermo. "Le intercettazioni non esistono"

1185

“Agli atti dell’ufficio non risulta trascritta alcuna telefonata del tenore di quella pubblicata dalla stampa tra il governatore Crocetta e il dottor Matteo Tutino”. Lo ha detto il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi. «I carabinieri del Nas – ha aggiunto Lo Voi – hanno escluso che conversazioni simili siano contenute tra quelle registrate nel corso delle operazioni di intercettazione nei confronti di Tutino».La Procura ha specificato di avere fatto ricontrollare tutte le registrazioni relative all’inchiesta su Tutino, il medico agli arresti domiciliari per truffa, sia dai Pm titolari dell’inchiesta che dai carabinieri del Nas. Lo Voi ed il procuratore aggiunto Leonardo Agueci, che ha coordinato l’indagine, hanno sottolineato che nelle carte e negli atti della Procura di Palermo non esiste alcuna telefonata in cui Tutino avrebbe detto a Crocetta riferendosi all’ex assessore alla Sanità Lucia Borsellino: «Questa va fatta fuori come il padre».
CROCETTA IN LACRIME: “M’HANNO AMMAZZATO” – È vero che la Procura smentisce? Oggi mi hanno ammazzato…». Rosario Crocetta non riesce a trattenersi al telefono con l’ANSA. Piange. Singhiozza. «Perchè… perchè», ripete. «Ma quanto è potente questa mafia che mi vuole fare fuori?», continua. «Avrei potuto anche farla finita oggi…».
Intanto la presidente della Commissione antimafia, Rosi Bindi chiede che venga fatta chiarezza sia sul piano politico che giudiziario. 

Commenta su Facebook