CL Protagonista: "finta politica diventa preponderante, la consigliera Mannella svolge il proprio dovere"

858

“L’esempio tipico di quando la finta politica diventa preponderante rispetto a quella vera, reale, necessaria che dovrebbe viversi ogni giorno, si vede in questi giorni a Caltanissetta. Un cittadino, o un paio di cittadini decidono di inveire per vari motivi contro il Presidente del Consiglio Comunale e di accusare uno dei consiglieri più attivi “rea” di fare il consigliere comunale “d’ufficio” senza fare opposizione seria”. E’ quanto scrive Caltanissetta Protagonista, in una nota inviata in redazione da dall’ingegnere Michele Giarratana, che interviene sulla contestazione verbale subita dalla consigliera di CL Protagonista, Oriana Mannella.
“La politica seria finisce nel momento in cui quel consigliere, Oriana Mannella che fa parte di Caltanissetta Protagonista ha fatto fino in fondo il suo dovere e il Presidente del Consiglio ha svolto le sue funzioni. Quella finta e deleteria comincia un attimo dopo con questi signori che, inveendo, diventano personaggi, vengono intervistati da una radio locale e continuano il loro show occupando la ribalta. A quel punto, figurarsi se qualcuno non prende la palla al balzo; primo fra tutti il nostro Sindaco. A lui, molto attivo sui social network non sembra vero poter esprimere tempestivamente solidarietà nei confronti di chi è stato accusato in modo violento e, in un solo colpo, si fa bello coi consiglieri, fa bella figura con la cittadinanza, distoglie l’attenzione dai problemi reali e ruba la scena a tutti gli altri. Perfino noi che scriviamo questa nota facciamo da gran cassa a chi accusa e si agita e a chi dimostra di essere sensibile ed educato oltre che galante. Potete scegliere se definire il tutto demagogia o finta politica. Ma abbiamo voluto dimostrare ciò che la politica e tutto il suo contorno non devono fare e non devono essere. Caltanissetta ha bisogno di ben altri modelli e ben altri argomenti da proporre ai suoi cittadini”, conclude Caltanissetta Protagonista

Commenta su Facebook