Cisl Caltanissetta a Crocetta: "Comunità non merita questo trattamento. Attacchi irresponsabili a Commissario"

882

Il Comitato esecutivo della Cisl Agrigento Caltanissetta Enna, si è riunito nel capoluogo nisseno alla presenza del Segretario Generale del Cisl Siciliana, Maurizio Bernava, esprimendo “preoccupazione per l’aumento degli ammortizzatori sociali, della disoccupazione e l’assenza di una politica industriale”.

“La  Cisl chiede di aprire una nuova stagione di concertazione con le istituzioni che guardi alle problematiche di tutte le piccole e medie imprese, avviando un piano per il recupero dell’efficienza e della competitività del sistema, senza spreco di risorse pubbliche”. E’ quanto afferma il sindacato in una nota a firma del segretario generale Emanuele Gallo per le tre province di Agrigento, Caltanissetta ed Enna.

“La Cisl segnala l’urgenza del contrasto al lavoro sommerso e irregolare, una maggiore trasparenza nella pubblica amministrazione e il buon funzionamento della giustizia”.

“La riorganizzazione della Cisl nelle tre province, intanto, diventa sempre più operativa con l’insediamento di alcune Unioni Zonali nate a Licata, Nicosia e Gela, nell’ottica di una presenza capillare che garantisca l’iniziativa sindacale nei territori decentrati”.

“La Cisl di Agrigento, Caltanissetta ed Enna – prosegue Gallo – esaminata l’impugnativa del Commissario dello Stato della Finanziaria, esprime profonda insoddisfazione per come la vicenda e’ stata gestita dal presidente Crocetta, con modi scomposti e attacchi irresponsabili alla figura costituzionale del Commissario dello Stato, che arrecano alla Sicilia solo danni e lacerazioni”.

L’esecutivo territoriale della Cisl “non intende farsi strumento di inutili tensioni, la Nostra terra ha bisogno di dialogo e cooperazione”. Questo perché “il sindacato non può assistere impotente di fronte all’arroganza di un uomo che, solo al comando, manda allo sbando una comunità che non merita un trattamento del genere”. La Cisl fa quindi appello a tutti gli attori sociali, economici, culturali e istituzionali “per una strategia di collaborazione e cooperazione”.

“Il governatore Crocetta avvii subito, assieme alle forze economiche e sociali, agli enti locali e al Parlamento dell’Isola, un piano strategico di risanamento e sviluppo, che la Cisl da tempo chiede venga portato a Roma”.Cisl Emanuele Gallo con segreteriaEmanuele Gallo - Cisl

“La Cisl delle tre province del centro Sicilia – conclude il Segretario – con il gruppo dirigente intende avviare una mobilitazione attenta e razionale, senza strumentalizzazioni, nella consapevolezza che ,se siamo arrivati a questo punto, la responsabilità e’ anche di una gestione del governo regionale fallimentare e solitaria”.

Commenta su Facebook