Il “cibo amico” dell’istituto “Galileo Galilei” ai mercatini di Natale della Don Milani

944

Foto BimbeE’ stato molto apprezzato l’opuscolo “Cibo Amico” realizzato dagli studenti della classe 5 G dell’Istituto IPSIA “G.Galilei” di Caltanissetta e distribuito dalle alunne Manuela Quattrocchi e Silvia Lomonaco, affiancate dai docenti Simona Amato, Anna Maria Cassiba, Mari Piccione e Mimmo Privitera, durante il mercatino di Natale organizzato dall’ Istituto Comprensivo “Don Milani”, di cui è Dirigente la Prof.ssa Luigia Maria Emilia Perricone.

Si tratta ancora di un’altra iniziativa di studenti e docenti dell’IPSIA “G. Galilei” ( Dirigente la Prof.ssa Loredana Schillaci), ai fini di una incisiva e consapevole diffusione delle finalità del progetto “Healthy We – Future Guarantee” di cui è promotrice la scuola già dallo scorso anno. Il progetto, cofinanziato dalla Commissione Europea  nell’ambito del programma Erasmus + KA2 Partenariati Strategici, si prefigge di educare i giovani ad un corretto e sano stile di vita e vede coinvolti altri quattro paesi europei: Lituania, Romania, Spagna e Turchia.

La versione dell’opuscolo in lingua inglese, “Friendly Food”, era già stato donato ai partner europei del Progetto Erasmus+ che sono stati ospiti dell’Istituto Galilei lo scorso novembre e, visto l’apprezzamento mostrato da parte dei colleghi stranieri, sarà tradotto nelle varie lingue e distribuito nei paesi partecipanti al progetto. L’opuscolo “Cibo Amico” è anche stato distribuito dai professori Sonia Miserendino e Mimmo Privitera in occasione della passeggiata e corsa della salute organizzata nell’ambito del Salus Festival il 3 dicembre scorso e sarà in futuro condiviso con le classi quarte e quinte di alcune delle scuole primarie della città. In tali occasioni la distribuzione dell’opuscolo sarà accompagnata da una lezione di scienze per sottolineare l’importanza della “Piramide alimentare” al fine di arginare l’epidemia di obesità e i problemi ad essa correlati ed invitare i bambini a seguire i consigli dietetici per una sana alimentazione in alternativa allo “junk food” o “cibo spazzatura” così tanto propagandato dalle grandi multi nazionali.

 

Commenta su Facebook