Chiesa e politica, indipendenti coltivano una sana collaborazione. Sabato ne discute Savino Pezzotta

856

Si svolgerà sabato 27 giugno – a partire dalle ore 18.00 presso la cripta della Cattedrale di Caltanissetta (ingresso da piazzetta Pescheria) – un incontro di studio dal tema “Indipendenti e autonome l’una dall’altra, coltivano una sana collaborazione. Chiesa e politica nel post-concilio”.

Gian Luca Potestà
Gian Luca Potestà

All’incontro, promosso dal Centro Studi sulla Cooperazione “A. Cammarata” e dall’Associazione culturale “Alcide De Gasperi”, interverranno: Savino Pezzotta, Presidente della Rosa per l’Italia e Gian Luca Potestà, ordinario di storia del cristianesimo all’Università Cattolica. Modererà l’incontro il Presidente dell’Associazione culturale “Alcide De Gasperi”, Rocco Gumina.
Per gli organizzatori, il tema della relazione fra Chiesa e politica è uno degli snodi più rilevanti della complessità sociale dei secoli passati e della contemporaneità. Già Luigi Sturzo aveva rilevato la coesistenza in ogni società della diarchia dei poteri delineata dall’ordine temporale gestito dallo Stato e da quello spirituale rappresentato dalla Chiesa. Entrambi i poteri, per il presbitero calatino, avevano finalità e strutturazioni differenti ma erano chiamati a convergere circa la promozione del bene comune.
Tale concetto fu ripreso, seppur implicitamente, dall’articolo 7 della Costituzione italiana. Con il Concilio Vaticano II – e in particolare con il n. 76 della Costituzione pastorale Gaudium et spes – per i cattolici impegnati in politica si delinea la prospettiva di un impegno in una società pluralista nella quale occorre compiere una distinzione fra le azioni apostoliche della Chiesa e quelle dei cittadini che individualmente, e con una coscienza cristiana, s’impegnano nei partiti, nei sindacati, nelle associazioni. In tal modo, gli insegnamenti conciliari hanno chiarito ogni possibile confusione o frapposizione fra la comunità politica e la Chiesa precisando, tuttavia, che quest’ultime sono chiamate a collaborare – sebbene a titolo diverso – per la piena realizzazione personale e sociale di tutti gli uomini.
Savino Pezzotta e Gian Luca Potestà rifletteranno – circa la relazione Chiesa e politica – sia sui presupposti teorici sia sui risvolti storico-pratici i quali prima hanno condotto la Democrazia Cristiana alla definitiva apertura “a sinistra” e successivamente hanno chiarito l’improponibilità, per l’attuale fase politica, di un partito unico in grado di rappresentare tutti i credenti.

Commenta su Facebook