Centro storico, Confcommercio scrive al sindaco: “riaprire corso Umberto e Ztl in corso Vittorio”

1193

Centro storico, le proposte di Confcommercio Caltanissetta al sindaco: Ztl, corso Umberto riaperto e maggiore vigilanza e pulizia. Il presidente provinciale di Confcommercio, Massimo Mancuso, ha consegnato giovedì mattina al sindaco di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo, un documento che sintetizza le proposte per migliorare la vivibilità del centro storico di Caltanissetta e in particolare chiedendo maggiore attenzione per l’area commerciale. Le proposte sono state elaborate al termine di un incontro promosso da Confcommercio con gli operatori e i professionisti svoltosi mercoledì sera nella sede provinciale dell’associazione di categoria. Un confronto costruttivo che Confcommercio intende avviare con il sindaco, ma in assenza di risposte si profilano anche azioni eclatanti. Oltre alla Ztl in corso Vittorio e alla riapertura di corso Umberto, gli operatori economici chiedono un maggiore decoro, illuminazione e cestini, ma anche un coordinamento in occasione di iniziative ed eventi, per evitare che gli stand siano collocati davanti le vetrine dei negozi. (ph in copertina Danilo Riccobene)

Di seguito la lettera inviata al Sindaco e protocollata in ingresso stamane

Stimato Sindaco,

la situazione del centro storico è stata affrontata nel corso di un incontro con gli operatori economici interessati. Negli ultimi anni, le imprese operanti nel centro storico hanno subito le decisioni delle diverse amministrazioni subendone danni economici. I lavori effettuati, prima nel Corso Umberto e successivamente in Corso V. Emanuele, sono stati subiti dagli operatori senza che mai le amministrazioni abbiano ascoltato le richieste avanzate per diminuire i danni arrecati. Ciò nonostante, gli operatori, hanno con grandi sacrifici continuato ad investire e credere nel proprio lavoro. Sappiamo che la situazione economica generale ha provocato il diminuire dei fatturati delle imprese ed in questo nulla possiamo fare, ma in scelte che danneggino maggiormente le imprese vorremmo un’attenzione maggiore di chi ci amministra. Se aprire o chiudere una strada può portare al miglioramento o peggioramento della situazione economica delle imprese, provocandone la chiusura, allora le nostre proposte devono essere valutate attentamente cercando la soluzione migliore.

Non parliamo di esperimenti o prove che modificano le abitudini o i comportamenti, da queste scelte dipende la sopravvivenza delle imprese e delle famiglie che ci lavorano.

Non capiamo, perché, quando si parla di perdita di posti di lavoro ci si mobilita cercando tutte le soluzioni possibili per salvaguardare i lavoratori, quando si parla di chiusura, anche di una sola attività commerciale, nessuno, aldilà di parole di circostanza, cerca in tutti i modi di domandarsi il perché e di cosa si possa fare per salvarla.

Oggi per salvare il Centro Storico, da una fuga delle attività commerciale, si deve prendere in seria considerazione il motivo di tale fuga. Dare una semplice analisi sui dati di apertura e chiusura delle attività e sì significativo ma il dato deve essere analizzato attentamente perché non sempre il saldo positivo delle aperture significa miglioramento, ad esempio potremmo contare quanti locali vuoti esistono in centro storico, potremmo contare la vita media delle imprese che aprono, la tipologia delle attività che aprono e di quelle che chiudono.

Le imprese operanti nel centro storico chiedono:

  • Che venga istituita la ZTL dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 21, il sabato e la domenica tutto il giorno con riapertura alle 21;

  • Riapertura del Corso Umberto al transito delle auto;

  • Che vengano ricollocati i paletti in Piazza Garibaldi al fine di evitare la sosta delle auto, rendendo la carreggiata più stretta possibile al fine di essere utilizzata esclusiva mento per il passaggio delle auto;

  • Realizzare zone di scarico e carico delle merci;

  • Realizzare delle aree di sosta, al di fuori del centro storico, per le auto degli operatori commerciali e dei loro dipendenti collegati con navette al centro storico;

  • Postazione fissa dei Vigili Urbani all’interno del centro storico e accordo con le altre forze dell’ordine per un maggior controllo della zona;

  • Gli eventi devono essere concordati con le organizzazioni sindacali per evitare che tali eventi, anziché portare benefici alle imprese le danneggino, come ad esempio collocazione degli stand davanti le attività;

  • Realizzare l’arredo urbano con la collocazione di cestini, impianto di illuminazione adeguato e collocazione di piante;

  • Pulizia giornaliera dell’area;

  • Emissioni di ordinanze che puniscano chi sporca le strade gettando carte o mozziconi di sigarette;

  • Servizi navetta che colleghino la periferia con il centro storico

Caltanissetta, 12 novembre 2015

Il Presidente

Massimo Luca MANCUSO

 

Commenta su Facebook