Centro Diurno per l’autismo, l’Asp di Caltanissetta firma la convenzione

1045

Firmata nei giorni scorsi dal Direttore generale dell’Asp di Caltanissetta, Alessandro Caltagirone, in accordo con la direttrice sanitaria, Marcella Santino, e con il direttore amministrativo, Pietro Genovese, la convenzione di durata biennale con la cooperativa sociale Eubios di Siracusa per l’avvio del Centro diurno per soggetti affetti dal disturbo dello spettro autistico, secondo quanto prescritto dalle linee guida regionali del 1 febbraio 2007 e dal nuovo Programma regionale unitario per l’autismo.

Al momento L’Asp del capoluogo nisseno gestisce in proprio i Centri per l’autismo di Caltanissetta e Gela, nati nel 2014 e destinati a rimanere ( almeno quello nisseno) Centri per la diagnosi precoce e terapia intensiva, di stretta pertinenza sanitaria.

Il Centro diurno offrirà prestazioni di riabilitazione a 20 soggetti con disturbo dello spettro autistico. Il costo annuo complessivo sarà di 320.920,00 euro, che per legge rientreranno nel 2% del bilancio annuale dell’Azienda sanitaria destinato all’erogazione di servizi a persone con autismo, legge regionale 8 maggio 2018 n.8.

“Esprimiamo soddisfazione e tiriamo finalmente un sospiro di sollievo – afferma Maria Grazia Pignataro, presidente dell’associazione Ispedd – perché attendavamo già da qualche tempo la nascita del Centro diurno per adolescenti e giovani adulti con autismo. I Centri autismo, infatti, esistenti nella provincia di Caltanissetta, nonostante l’importante lavoro fatto finora, non sono più grado di rispondere ai bisogni e alle esigenze degli utenti e delle famiglie, considerato che  le diagnosi precoci (a partire già dai 15 mesi) aumentano in modo esponenziale, creando lunghe lista d’attesa per l’inserimento nei Centri di bambini/e e l’avvio della terapia intensiva”.

“Abbiamo chiesto – conclude la Pignataro – un incontro urgente con i vertici dell’Asp nissena – per avere delucidazioni sui tempi e i modi di organizzazione e gestione del nuovo servizio”.

 

Commenta su Facebook