Centro di accoglienza Pian del Lago, i sindacati: “Lavoratori sottoposti a turni che ledono la dignità”

97

Sono ancora una volta in attesa del proprio stipendio gli operatori socio assistenziali che prestano servizio presso il centro governativo di prima accoglienza di Pian del Lago, alle dipendenze della cooperativa sociale Essequadro. Le parti sociali denunciano: “Operatori in attesa ancora delle spettanze dei mesi di maggio e giugno”.

A bloccare oggi la liquidazione delle somme del mese di maggio e giugno sarebbe, secondo una comunicazione inviata dalla stessa coop alle parti sociali, il mancato pagamento da parte della stazione appaltante, cioè la Prefettura di Caltanissetta, dei servizi resi dalla cooperativa.

“È utile ricordare spiegano i segretari delle sigle Cub, Slalv Confsal, Uil-Temp e Cisl-Fp – che la società ‘Essequadro’ non è nuova a tali deficienze nonché al mancato rispetto del contratto di categoria. Oggi, ledendo la dignità di lavoratori che operano per di più in un momento particolarmente delicato, essendo esposti al rischio Covid senza  tra l’altro percepire alcuna indennità economica aggiuntiva, gli stessi sono  costretti a prestare un servizio per un massimo giornaliero di 1 ora e 45 minuti. Una situazione che, quando si tratta di lavoratori pendolari, diventa persino antieconomica. Duole inoltre sottolineare – continuano i sindacati – che i lavoratori ancora devono ricevere gli ammortizzatori sociali relativamente al mese di maggio e giugno”.

I sindacati quindi rivolgono un appello alla Prefettura, affinché si attivi per far sì che la società ottemperi alle normative gestionali previste. Nelle more è stato già proclamato lo stato di agitazione ed è stato denunciato il tutto all’Ufficio Territoriale del Lavoro e all’Ispettorato Provinciale del Lavoro.
“Speriamo – concludono le parti sociali –  non sia necessario arrivare allo sciopero –  , ma ci rendiamo conto che al momento i lavoratori sono esasperati e pronti a tutto. E’ necessario che intervengano le istituzioni”.

Fonte: Comunicato Stampa

Commenta su Facebook