Centro Alzheimer. Dopo le assunzioni dell’Asp2 arrivano anche i “servizi aggiuntivi” del Distretto D-8

1773

Con un ribasso del 1% la cooperativa Etnos di Caltanissetta si è aggiudicata l’affidamento del centro diurno Alzheimer, servizio di supporto familiare per soggetti affetti da alzheimer nell’ambito del piano di zona del distretto socio sanitario D-8 di Caltanissetta. Tra le imprese partecipanti alla gara, indetta dall’ufficio solidarietà sociale del Comune, oltre ad Etnos anche Progetto Vita che aveva offerto un ribasso del 10% e la cooperativa “Azione Sociale” con un ribasso del 13%.

A pesare sulla valutazione della commissione, è stata l’offerta tecnica sulle attività previste tra cui organizzazione del Centro diurno e sportello consueling, organizzazione del servizio a domicilio, servizio di trasporto e coinvolgimento della rete territoriale dei servizi.

93 mila euro per un anno, per offrire vari servizi ai malati di alzheimer presso il centro diurno dell’Asp2 di Caltanissetta. Lo stesso centro dove già operano i lavoratori assunti a fine anno dall’Asp. 35 in tutto tra Caltanissetta e Gela, che tengono aperti i due centri alzheimer dal lunedì al venerdì. Quelli offerti dal Distretto socio sanitario, attraverso la cooperativa Etnos, saranno dunque servizi aggiuntivi, tra cui il trasporto dei malati. Ma si dovrà adesso stabilire con esattezza di cosa si dovranno occupare i dipendenti dell’Asp 2 e quelli della cooperativa Etnos, nell’ambito di una chiara definizione dei ruoli. Allo stato c’è un protocollo tra Asp 2 e distretto socio sanitario che stabilisce una collaborazione per i servizi aggiuntivi, ovvero quelli che il Distretto ha aggiudicato.

Commenta su Facebook