Cena col cittadino. Cancelleri cucina per gli Insinga e dipana i dubbi di una famiglia di centrosinistra

442

L’iniziativa, come sempre, è vincente sul piano del marketing ma tiene insieme soprattutto i contenuti. Così è andata in scena lunedì sera la prima cena cucinata dal deputato Giancarlo Cancelleri del Movimento 5 Stelle a casa della famiglia Insinga di Palermo.  (Foto: www.si24.it)

La “prima cena col cittadino” è nata dall’iniziativa lanciata da Cancelleri nelle scorse settimane. Farsi invitare da famiglie normali a casa e cucinare per loro e nell’occasione spiegare i temi e i progetti del movimento. Ma il deputato nisseno ha chiarito subito che l’obiettivo non è fare propaganda presso gli accoliti, bensì recarsi da chi ha dubbi, non condivide o critica il Movimento 5 Stelle, o magari da chi non conosce la progettualità e coglie come un limite il solo aspetto di protesta dei 5 stelle.

Sono oltre un migliaio gli inviti arrivati in pochi giorni nella casella mail di Giancarlo Cancelleri, da tutta la Sicilia e da diverse regioni d’Italia

“Non mi aspettavo che arrivassero tantissimi inviti come quelli che sono giunti al mio indirizzo mail – ha detto l’esponente siciliano 5 Stelle ai microfoni delle televisioni che lo hanno raggiunto lunedì sera a casa Insinga – Li farò tutti, ho iniziato da una persona che ha detto di ritrovarsi nel movimento ma tutti quelli della sua famiglia non lo reputavano un progetto valido”.

“Tanti messaggi di invito di cittadini da tutte le parti d’Italia. Ne sono lusingato perché io sono un consigliere regionale ed essere invitato in Lombardia o in altre parti è un motivo di vanto. La passione della cucina deriva da mia moglie che mi ha insegnato a fare risotti e altri piatti. Questo perché non voglio fare la fine di mio padre che quando mia madre è impossibilitata lui è capace di fare o un uovo fritto o degli spaghetti in bianco con olio”.

E così, tra il serio e il faceto, Cancelleri ha buttato la pasta, un chilo abbondante di cavati freschi, prima di lanciarsi in una discussione politica in famiglia.

Commenta su Facebook