Cefpas. Lomaglio: “sia centro educazione alla salute, in sinergia con Università”. Critiche a Campisi

726

Il Prefetto, Il vescovo e Lucia BorsellinoSi terrà il 21 maggio al CEFPAS, a partire dalle ore 9.00 presso l’aula Garsia dell’Hotel, la giornata d’apertura delle prime due edizioni del Corso per Formatori di 1° Livello FED.

Interverranno Lucia Borsellino, Assessore regionale della Salute, Angelo Lomaglio, Direttore del Centro, e Pier Sergio Caltabiano, Direttore della Formazione. Il Progetto FED, riguarda la rilevanza del dato epidemiologico relativo a sovrappeso/obesità in Sicilia, specie nella fascia d’età giovanile, e la provata efficacia della dieta alimentare mediterranea nella prevenzione delle malattie cronico-degenerative. La formazione coinvolge le figure professionali delle aree sanitaria, scolastica e agroalimentare. L’iniziativa, si svolgerà a Caltanissetta e a Palermo.

La giornata di mercoledì, invece, sarà anche la prima uscita del direttore Angelo Lomaglio nella sede del Cefpas, insieme all’assessore Borsellino, con cui il centro nisseno sta programmando alcune attività per il rilancio, pur nella conferma delle attività di alta formazione già espletate.

E in tal senso, durante il convegno su sanità e università tenutosi all’Istituto Mottura lunedì sera, organizzato dall’associazione “Salute al Centro”, presieduta dal dott. Giuseppe Vaccaro,  il direttore del Cefpas Lomaglio ha tracciato le linee guida della sua programmazione a breve termine e criticato l’assenza del sindaco, Michele Campisi alla cerimonia di immatricolazione dell’anno accademico di Medicina al consorzio università.

“L’assessore Lucia Borsellino – afferma Angelo Lomaglio, direttore del Cefpas – verrà a dire che il Cefpas non dev’essere solo il centro per l’aggiornamento e la formazione degli operatori del sistema sanitario regionale, ma un centro regionale, nazionale ed io spero internaizonale di educazione alla salute. Quindi che lavori sul benessere degli individui, sull’umanizzazione delle cure, consolidando anche un rapporto con le associazioni del volontariato. Un centro che si occupi di filiere produttive per un’alimentazione sana, che deve raccordarsi con le scuole. Il 29 maggio presentiamo con l’assessore una campagna del Cefpas in 50 scuole siciliane per costruire l’educazione alla salute. Dopodomani sono a Roma con i vertici del Coni nazionale che sono interessati a fare un centro di formazione per lo sport dedicato alla medicina sportiva. Lo faremo nel palazzetto dello sport del Cefpas la cui copertura necessita di un intervento, ma noi vogliamo intervenire sulla struttura perchè il Coni ci chiede che diventi un centro di prevenzione contro il doping insieme alla medicina dello sport. Allora dobbiamo imparare non solo a difendere, come troppo spesso si dice. Ma credo dobbiamo rilanciare con forza il ruolo delle strutture, qualificandole, specializzandole e facendole lavorare in sinergia sapendo che o motiviamo gli operatori fortemente, rendendoli protagonisti, siano essi medici, formatori etc, oppure non ce la faremo. Siamo nelle condizioni non solo di difendere ma di costruire un progetto forte”.

Quindi l’accusa al sindaco di Caltanissetta. “Durante la cerimonia di immatricolazione di 80 matricole che studieranno a Caltanissetta con i tanti colleghi della facoltà di medicina, è successa una cosa gravissima, un piccolo segno, ma grave, di disattenzione delle istituzioni di Caltanissetta. Il sindaco ha scelto di non essere presente, chi viene a studiare a Caltanissetta deve invece essere, e sentirsi, accolto dalla città”, ha detto Lomaglio.

Il direttore del CEfpas ha sottolineato come l’unico consorzio Università della Sicilia che nella sua composizione sociale vede il solo comune capoluogo, è Caltanissetta. Tutti gli altri consorzi hanno al loro interno non soltanto i capoluoghi ma anche gli altri comuni.

 

Commenta su Facebook