Caso Montante, il Pd nisseno: “Va sospeso da tutte le cariche. Grave il danno d’immagine alla Sicilia”

1185

Il Partito Democratico di Caltanissetta plaude alla Magistratura e alle Forze dell’Ordine che, con  l’operazione”Double face”, ha inferto una durissima battuta d’arresto a quello che, ormai da tempo, viene definito il “Sistema Montante”.

Una fitta rete di potere che, da quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare, avrebbe condizionato, inquinato e drogato le indagini in corso a carico dello stesso Montante mettendo a nudo  un fitto sistema di corruzione per tramite di alti vertici della sicurezza.

Confidiamo nel prosieguo delle indagini che, finalmente neutralizzate da ogni ingerenza criminosa esterna, sapranno mettere in luce le responsabilità civili e penali di tutti i soggetti coinvolti restituendo, così, quella dignità a quel vessillo oggi violentato, di “Lotta alla mafia”, di cui da anni, i siciliani onesti,  vorrebbero fregiarsi senza che alcuno se ne serva per scalare potere da “paladino della legalità“, per carrierismo e per gli interessi di pochi.

La lotta all’illegalità, alle mafie, si combatte ogni giorno, tutti insieme, fuori dai convegni ma con il lavoro onesto, il rispetto dell’altro e delle istituzioni tutte.

Demandando al lavoro eccelso delle Forze dell’Ordine e della Magistratura rispetto alla configurazione delle condotte criminose in senso stretto, riteniamo però di poter dire, senza tema di smentita, che il danno all’immagine ed alla dignità del popolo Siciliano e nisseno sia stato di proporzioni inestimabili considerata la vera lotta all’omertà ed al crimine condotta dalla Sicilia onesta persino con il sacrificio della vita di Magistrati, Poliziotti, Imprenditori, Giornalisti, Amministratori e Politici.

Per tale ragione, con ancor più forza, reiteriamo la richiesta già avanzata pubblicamente con la nota del 25.01.2016 invocando l’immediata revoca/sospensione di Montante da tutte le cariche da questi ricoperte, ivi compresa la presidenza della Camera di Commercio nissena.

Commenta su Facebook