Case popolari, sgomberi esecutivi a Santa Barbara. Campione: “C’è il rischio di una rivoluzione”

952

Sono state recapitate le ordinanze di sgombero dagli alloggi popolari dello Iacp a Santa Barbara. Dopo la sospensione degli sgomberi decisa dal comitato per l’ordine pubblico prima di Natale, l’Istituto case popolari intende andare fino in fondo per liberare gli appartamenti da destinare alle famiglie regolarmente in graduatoria, in attesa da anni dell’assegnazione di un alloggio.

L'assessore Carlo Campione
L’assessore Carlo Campione

In tutto un centinaio di case sono occupate da famiglie in molti casi indigenti e con figli minori a carico. “Una situazione che mette a rischio l’ordine pubblico”, sottolinea l’assessore alla solidarietà sociale del comune di Caltanissetta, Carlo Campione.

Il Comune, dal canto suo, ha predisposto un contributo affitto per un anno per 12 nuclei familiari. “Ma si tratta di una goccia nel mare”, ammette lo stesso assessore, che fa appello alle altre istituzioni del territorio.

“Nel momento in cui lo Iacp decide di sgomberare gli appartamenti, si dovrà trovare una sistemazione alle persone sfrattate in maniera coercitiva. La problematica nasce vent’anni fa e non è colpa del comune se ci sono stati gli abusivi. Non voglio rimpallare ad altri, il problema esiste e siamo tutti coinvolti il comune, lo Iacp, ma è anche un problema di ordine pubblico. Perchè nel momento in cui sfrattiamo con la forza, dove mettiamo queste persone? C’è il rischio di una rivoluzione”, afferma Campione

“All’Ars hanno riproposto un emendamento per la sanatoria, ma non vorrei che fosse un’illusione. Noi – conclude – stiamo facendo ciò che possiamo, io chiedo aiuto a tutte le istituzioni”.

E’ previsto per oggi un incontro in Prefettura.

 

Commenta su Facebook