Cancelleri sul blog di Grillo: “Resto il candidato”. Fuori tempo massimo la possibilità di ripetere il voto

728

“Alla luce del decreto del Tribunale civile di Palermo, il MoVimento 5 Stelle annuncia che esercitando un suo diritto farà ricorso per far valere le proprie ragioni. I tempi per aspettare la fine del procedimento e per rinnovare le votazioni purtroppo non ci sono più. Inoltre anche il giudice nel decreto stabilisce che “nessuna statuizione può essere disposta nel presente giudizio” riguardo “alla modalità di svolgimento” delle regionarie, cioè se e come le dovremmo fare”. Con un articolo pubblicato a sua firma direttamente del blog di Beppe Grillo, Giancarlo Cancelleri stoppa le ipotesi circolate nelle ultime ore dopo la decisione del giudice del Tribunale di Palermo che ha sospeso le “regionarie” dei Cinque Stelle. In particolare Cancelleri conferma che sarà il candidato e che non si terranno nuove primarie.

“Alla prima udienza dell’8 agosto – spiega – la causa poteva essere decisa immediatamente ma la difesa del ricorrente ha chiesto un rinvio che il Tribunale ha concesso al 29 agosto. In tale udienza, con un Giudice diverso, la causa è stata nuovamente rinviata al 6 settembre, quando è stata tenuta da un altro giudice ancora. Quest’ultima si è riservata ed ha sciolto la riserva il 12 settembre rinviando la causa al 18 settembre. Oggi siamo fuori tempo massimo”.

“La scadenza per presentare il simbolo – conclude Cancelleri – è questo sabato 23 settembre e dobbiamo inoltre raccogliere 3.600 firme per la presentazione della lista. Per questo motivo il MoVimento 5 Stelle sarà presente alle regionali siciliane del 5 novembre con il sottoscritto, Giancarlo Cancelleri, candidato alla Presidenza della Regione e con la lista, a me collegata, votata dagli iscritti il 4 luglio 2017”.

Il tribunale di Palermo ha sospeso l’esito delle Regionarie del Movimento 5 Stelle. La sentenza conferma la decisione in via cautelare che era stata adottata il 12 settembre, accogliendo il ricorso dell’attivista Mauro Giulivi, che era stato escluso dalla lista dei candidati per non aver sottoscritto in tempo utile il codice etico.

Il giudice, Claudia Spiga, blocca il provvedimento del movimento a carico di Giulivi e decide di sospendere l’esecuzione delle determine del 4 luglio con cui sono stati individuati i 16 candidati più votati a Palermo, inseriti nella lista per l’Assemblea regionale. Questo determina a catena lo stop anche all’esito del secondo turno che ha visto la vittoria di Giancarlo Cancelleri per la candidatura alla presidenza della Regione.

 

Commenta su Facebook