Campagna elettorale in tempo di crisi. PD (Faletra), “sia sobria, inaccettabili scialacquatori”

769

In tempo di crisi, prima di tutto la politica deve avere sobrietà. Altrimenti sarà molto difficile essere credibili davanti a chi quella crisi la subisce. Il circolo “Faletra” del Partito Democratico chiede ai partiti, ai candidati di adottare prima di tutto, in questa campagna elettorale, un codice di sobrietà.

“La crisi che ha colpito e continua pesantemente a condizionare la vita delle famiglie, disegna scenari fino a qualche tempo fa impensabili”, spiega la segreteria del Circolo PD “Guido Faletra”, in una nota a firma di Linda Petrantoni, Annalisa Petitto, Francesco Dolce, Nicola Boccadutri, Ilaria Insisa, Gallo Marilisa, Antonio Sapienza, Ilaria Sulsenti.

“Vi sono nuclei familiari , prima assimilabili al ceto medio, costretti a vendere i beni di famiglia per fare fronte all’emergenza economica, altri che non riescono a mettere insieme il pranzo con la cena e tantissimi costretti a rinunciare ad eseguire le analisi cliniche e/o a rinunciare a ritirare le medicine in farmacia per il lievitare dei ticket, considerato che le esenzioni si limitano ai minori fino ai sei anni ed agli ultra sessantacinquenni, mentre se sei nella fascia degli inoccupati non hai diritto ad alcuna esenzione!”

“Questo è il quadro drammatico di un disagio sociale che aumenta ogni giorno di più – prosegue la nota – in una città come la nostra precipitata in fondo a tutte le classifiche, grazie alla amministrazione uscente, incapace di fronteggiare con misure di contenimento il degrado economico-sociale.
In questo quadro di riferimento la città è chiamata al voto. Non si sono ancora presentate ufficialmente le liste ma già impazza un assurdo sperpero di denaro da parte di singoli candidati al consiglio comunale che con manifesti giganteschi acquistano costosissimi spazi pubblicitari per chiedere il voto ai cittadini. E’ una vergogna! In un momento drammatico in cui i cittadini soffrono per una crisi che non hanno provocato, assistere a questi comportamenti da scialacquatori non è accettabile.
 Crediamo che tutti i partiti e le liste dovrebbero assumere un codice di comportamento, improntato alla SOBRIETÀ  e magari prevedendo un tetto di spesa di massima per tutta la campagna elettorale”.

“Inoltre, non è superfluo ribadire che allorquando saranno banditi i comizi elettorali ed assegnati gli spazi di affissione questi vengano rispettati da tutti e i trasgressori puniti come previsto dalla legge, al fine di evitare che l’affissione selvaggia sporchi e deturpi la città con l’inevitabile ricaduta sui cittadini dei costi elevatissimi per ripulirla”.

Il Circolo PD “Guido Faletra” anticipa di voler proporre l’adozione di un codice, intanto agli organi dirigenti cittadini, “perché già il PD adotti tale codice di sobrietà e ne pretenda il rigoroso rispetto da parte di tutti i candidati prevedendo anche azioni sanzionatorie.
Lo dobbiamo ai cittadini, per dare la migliore risposta ai populismi, all’antipolitica e per difendere le Istituzioni democratiche da strumentalizzazioni alimentate da comportamenti scorretti ed offensivi da coloro che si candidano a rappresentarli nelle Istituzioni”.

Commenta su Facebook