Camera di commercio. E’ guerra tra associazioni di categoria, il Cga rinvia gli atti al Tar

828

Il consiglio di giustizia amministrativa della Sicilia ha accolto la domanda cautelare di un gruppo di associazioni di categoria che si era rivolto al Tar per annullare la composizione del nuovo consiglio camerale della Camera di commercio di Caltanissetta, Agrigento e Trapani.

Il Cga si è espresso con un’ordinanza in seguito alla richiesta di Legacoop Agrigento, Confcooperative Unione di Agrigento, Confesercenti Sicilia Area Centro Meridionale, Confesercenti Trapani, Cna di Agrigento, Cna di Trapani, di riformare l’ordinanza pronunciata dal Tar a fine marzo, che aveva respinto l’istanza cautelare avanzata dai ricorrenti.

E’ di fine dicembre 2016 il contestato decreto dell’assessore regionale alle Attività produttive che ripartiva i seggi del nuovo Consiglio camerale tra le varie associazioni. Una distribuzione realizzata in base al numero di iscritti di ogni associazione di categoria.

I ricorrenti contestano una “sovrarappresentazione concessa ad alcune associazioni di più recente costituzione e con diffusione limitata ad una sola delle tre province che presentano, invece, dati di rappresentanza di gran lunga inferiori.

Adesso il Cga, ritenendo che le “esigenze delle parti possono essere (e vadano) meglio tutelate mediante una sollecita definizione del giudizio di merito”, ed “essendo evidente che l’intera questione necessita di un approfondimento che non appare compatibile con la funzione e con la struttura (oltreché con gli orizzonti cognitivi propri) della presente fase di giudizio”, ha accolto l’istanza, trasmettendo al Tribunale amministrativo regionale gli atti per una nuova pronuncia di merito.

Commenta su Facebook