Caltaqua: arrivano i nuovi strumenti Tpl per la rilevazione dei consumi

581

Pigia con decisione sul pedale dell’innovazione Caltaqua – Acque di Caltanissetta SpA, e lo fa non soltanto ammodernando e potenziando reti e infrastrutture ma guardando, con estrema attenzione, anche agli strumenti impiegati nelle diverse attività compiute quotidianamente, puntando a raggiungere criteri di eccellenza nella qualità del servizio erogato.

Un altro importante cambio di passo si è registrato nel servizio di rilevazione dei consumi. Le squadre di “letturisti” del Gestore del servizio idrico integrato, a conclusione di un periodo di test e sperimentazioni pratiche sul campo, sono state dotate di nuovi, più sofisticati e precisi strumenti (TPL) per la “lettura” dei contatori.

La quantità di operazioni che questi nuovi TPL consentono, rispetto alle prestazioni garantite dai “vecchi” palmari è considerevole. Se prima, infatti, con gli strumenti in dotazione era possibile soltanto effettuare la lettura del consumo idrico con le successive operazioni di “scarico” dei risultati negli uffici del Gestore, adesso i nuovi TPL – che montano un software GEA 4 flessibile – rendono possibile una serie di funzioni ausiliarie alcune delle quali obbediscono anche a specifiche indicazioni dell’ARERA, l’Autorità di regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Tra queste ci sono la foto-lettura del contatore, la geolocalizzazione (con la registrazione delle coordinate dello specifico contatore), la registrazione del tentativo di lettura, l’invio dei dati rilevati e la loro gestione in remoto. Sono tutte operazioni che consentono un significativo risparmio di tempo e un più oculato impiego di risorse umane e mezzi aziendali nell’ottica dell’ottimizzazione delle varie fasi del processo di lavoro. Il tutto, infine, con l’importantissima conseguenza che si attenua anche il margine di possibile errore connesso alle varie fasi della rilevazione e trattazione dei dati. Pure in questo caso ciò avrà ulteriori importanti e positive ricadute anche nella gestione di eventuali reclami.

Commenta su Facebook