Caltanissetta, “Spiagge sicure”: in Prefettura riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

243

Riunione stamane in Prefettura del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per la definizione strategica e condivisa di misure di prevenzione e contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria e, in particolare,  dell’abusivismo commerciale e della contraffazione, in vista del periodo più intenso della stagione estiva connotato da un maggiore afflusso turistico.

All’incontro, alla presenza del Commissario straordinario del Libero Consorzio comunale di Caltanissetta, del Sindaco del Comune capoluogo e dei Comuni costieri di Gela e Butera, hanno partecipato i vertici delle Forze dell’Ordine, della Polizia stradale, il Comandante della Capitaneria di Porto di Gela, i rappresentanti della locale Camera di Commercio e delle associazioni di categoria del settore commerciale.

Nel corso della riunione, il Prefetto, in linea con le indicazioni fornite dal Ministro dell’Interno nell’ambito del piano “Spiagge Sicure 2018″, ha sottolineato la fondamentale esigenza di affrontare il fenomeno in sinergia con tutti gli attori coinvolti, attraverso un ulteriore potenziamento delle misure di contrasto alla filiera dell’abusivismo commerciale e della falsificazione dei prodotti già messe in campo dalle Forze dell’Ordine.

E’ stata disposta l’adozione di piani di intervento operativo che garantiscano un controllo capillare e sistematico degli arenili e delle strade di accesso, con il concorso delle Forze di Polizia statali e municipali ed il coinvolgimento anche delle associazioni di categoria invitate a promuovere iniziative di sensibilizzazione per la tutela dell’economia legale anche nei confronti dei consumatori.

Nell’evidenziare la centralità del ruolo degli enti locali nel quadro di un rinnovato sistema integrato di sicurezza, i Comuni sono stati sensibilizzati al rafforzamento dei compiti delle rispettive Polizie municipali nello svolgimento delle attività di controllo sul commercio ambulante abusivo e nel settore dei pubblici esercizi, soprattutto in occasione di manifestazioni, ricorrenze religiose ed eventi ad elevata partecipazione di pubblico.

E ciò, anche attraverso politiche finalizzate ad aumentare la sicurezza percepita delle comunità locali realizzando migliori condizioni di decoro urbano e di qualità della vita.

Il Prefetto ha, infine, sottolineato l’importanza che gli enti territoriali e le associazioni di categoria promuovano in sinergia mirate campagne di in­formazione e sensibilizzazione dei cittadini sulle conseguenze dannose per la salute dei consumatori derivanti dall’acquisto di merci contraffatte, potenziando l’informazione pub­blica sulle ripercussioni del fenomeno della contraffazione sul piano fiscale, della sicurezza, dello sfruttamento e della manodopera.

 

Commenta su Facebook