Caltanissetta, sostegno alle attività in crisi per il lockdown. Pubblicato l’avviso per microimprese, società sportive e culturali

413

Microimprese, partite iva ed esercenti chiusi durante le fasi di lockdown. Sono questi i destinatari del bando pubblicato dal comune di Caltanissetta per erogare le agevolazioni iscritte nel bilancio dell’ente come fondo economico e sociale. L’avviso è stato pubblicato sull’albo pretorio del Comune e prevede l’erogazione di un massimo di mille euro per ciascun richiedente che ne abbia i requisiti fino a concorrere alla cifra complessiva di 190 mila euro.

Per presentare la domanda gli interessati devono essere muniti di Spid prima di collegarsi al link indicato (https://caltanissetta.comune-online.it/web/home/avvia-una-istanza-ambiente).

La domanda dovrà essere compilata, pena di esclusione, in ogni sua parte e dovrà contenere oltre che la denominazione dell’attività, ubicazione, Partita Iva, Codici Ateco e codice fiscale del titolare o del Legale Rappresentante (in caso di società), anche gli estremi dell’Autorizzazione Amministrativa (Scia, Provvedimento Unico, altro titolo all’esercizio dell’attività), gli estremi dell’iscrizione alla C.C.I.A.A.(se dovuta), la dichiarazione di regolarità dei pagamenti dei Tributi locali fino all’anno 2019 (TARI, TASI, IMU, ec) e della posizione contributiva (DURC) o dichiarazione di impegnarsi alla regolarizzazione prima dell’erogazione del contributo, dichiarazione che i Codici Ateco dell’attività sono quelli individuati nel Decreto Legge n.149/2020.

Per le categorie sportive: dimostrazione del pagamento delle utenze, essere in possesso di iscrizione a federazioni o enti di promozione sportive e copia del contratto di locazione nel caso si detiene un immobile in affitto.
Per la categoria cultura: dimostrazione di aver svolto attività nel campo musicale, teatrale, artistico di interesse generale nell’anno 2019, dimostrazione dell’esercizio di attività nell’anno 2019 attraverso ricevute di pagamento di utenze e/o presentazione di contratto di locazione nel caso si detiene un immobile in affitto.

Nella domanda potranno essere elencati i nominativi dei dipendenti posti in cassa integrazione, ai quali l’Amministrazione potrà, in relazione alle disponibilità economiche specificatamente destinate al sostegno delle famiglie, assegnare buoni spesa.

QUI il link all’avviso

Commenta su Facebook