Caltanissetta, si presenta “Bonjour Casimiro”, il nuovo libro di Alberto Samonà. Sabato 12 febbraio alle 17,30 all’Istituto Testasecca

È in programma sabato 12 febbraio, alle ore 17,30, all’Istituto Testasecca (in via della Regione 1) la presentazione a Caltanissetta di “Bonjour Casimiro”, l’ultimo libro di Alberto Samonà.

Samonà, giornalista professionista e scrittore, dal maggio 2020 assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, ha al suo attivo numerosi libri (saggi e romanzi) che affrontano tematiche legate al Sacro e alla dimensione metafisica.

Introduce Alberto Maira, Presidente dell’Istituto Testasecca; interverranno Alessandro Pagano, parlamentare nazionale e vicecapogruppo Lega alla Camera dei Deputati e Carmelo Montagna, architetto e storico dell’arte. Sarà presente l’Autore.

Il libro, pubblicato recentemente dalla casa editrice Rubbettino, illustra la vita di un uomo contemporaneo, Giulio, che visita i luoghi in cui visse il barone Casimiro Piccolo che, a partire dal 1932, decise di lasciare la mondanità di Palermo per ritirarsi nella villa di famiglia nelle campagne di Capo d’Orlando. Con questa scelta, Casimiro, acquarellista e fotografo, trasforma la propria vita insieme al fratello Lucio, celebre poeta, e alla sorella Agata Giovanna, esperta di botanica. Ed è in questo luogo, visitato spesso anche dal cugino Giuseppe Tomasi di Lampedusa, incastonato tra il mar Tirreno e i Nebrodi, che i tre fratelli sviluppano la propria dimensione artistica grazie a un punto di osservazione altro sul mondo, in cui spazio e tempo sembrano assumere un senso differente dall’ordinario.

“Bonjour Casimiro” è un romanzo che rappresenta un viaggio nell’universo del barone Casimiro, tra gnomi, ninfe, maghi, folletti e altre energie della natura che l’aristocratico artista affermava di incontrare durante le sue passeggiate per i giardini e la campagna della tenuta, eletta a luogo dell’anima dalla madre, Teresa Mastrogiovanni Tasca, la cui presenza domina incontrastata, in vita e dopo.

Nel libro, il mondo dell’eterno femminino – accanto a Giulio, protagonista “involontario” della storia – è assunto come implicito punto di riferimento, definendosi sempre più come archetipo ispiratore, cosa che il lettore scoprirà, seguendo le avventure reali e immaginali del protagonista, i suoi incontri con donne straordinarie che lo metteranno a parte della possibilità di accedere a mondi altri. Insieme alla figura, eterea e discreta, di Casimiro Senior, colui che a fine Ottocento, per primo decise di tornare in questo luogo unico lontano dal chiasso e dai salotti della città.

L’ingresso è libero nel rispetto delle normative anticovid.

Commenta su Facebook