Caltanissetta, servizio rifiuti. Dusty al Comune: “Accordi disattesi, impossibile garantire puntualità degli stipendi”

209

“Le difficoltà finanziare del Comune di Caltanissetta ricadono sui canoni mensili destinati alle imprese che espletano servizi essenziali per la comunità. Un problema con cui Dusty convive dall’avvio dell’appalto (1 marzo 2019) giacché il Comune al fine di ottenere un risparmio, ha disposto una riduzione dell’importo dell’appalto di circa 800 mila euro, procedendo a decurtare la relativa somma direttamente ed immediatamente dai canoni dovuti all’impresa per i mesi di maggio/dicembre 2019, in un’unica soluzione e non spalmando l’economia di spesa ottenuta proporzionalmente su tutte le 84 rate di canone previsto dall’appalto la cui durata è di 7 anni”. Lo afferma in una nota la società catanese che gestisce il servizio rifiuti a Caltanissetta.

“L’Amministrazione comunale di Caltanissetta – scrive Dusty – intendendo ottenere ulteriori economie di spese sull’appalto di igiene ambientale, ha avviato con decorrenza gennaio 2020, un procedimento per l’ulteriore riduzione dell’importo contrattuale nei limiti di Legge. Ciò nonostante Dusty ha continuato ad erogare i servizi in conformità alle previsioni contrattuali senza alcuna modifica, percependo un introito mensile notevolmente inferiore rispetto a quello contrattualizzato”.

“Per chiarezza, da gennaio a giugno 2020, Dusty ha subìto una decurtazione di circa 600 mila euro complessivi pur essendo rimasti inalterati i servizi previsti in appalto. Ed inoltre, l’Amministrazione comunale continua a rinviare gli incontri con i responsabili di Dusty per poter definire la riduzione dei servizi che possano giustificare la decurtazione del canone mensile”.

“Grazie all’affidabilità di cui gode Dusty – conclude la nota – il personale finora è sempre stato pagato puntualmente, malgrado le difficoltà e le pesanti decurtazioni subite. Si fa presente tuttavia, che dopo sei mesi di continue riduzioni, Dusty si trova nell’impossibilità di poter garantire la puntualità dei pagamenti alle maestranze, come fatto finora”.

Commenta su Facebook