Caltanissetta, rallentamento lavori per il raddoppio della Ss 640: il sindaco scrive al ministro Toninelli

561

Alla luce delle notizie di un rallentamento dei lavori per il raddoppio della Ss640 Agrigento-Caltanissetta-Autostrada A-19, il sindaco di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo, ha scritto al ministro per le infrastrutture e i trasporti, Danilo Toninelli per rappresentare la problematica e riferire di aver già chiesto ad Anas un tavolo tecnico in cui affrontare la questione.

“Una grande opera infrastrutturale che dovrebbe rappresentare un elemento di sviluppo per la Sicilia e le aree interne dell’Isola rischia di trasformarsi in una penalizzazione per i territori interessati a causa di tempi di realizzazione che ragionevolmente potrebbero protrarsi anche oltre il 2019”, ha scritto il primo cittadino nisseno nella missiva.

Il cantiere del secondo lotto della Ss640 venne consegnato nel 2012 e l’opera doveva essere realizzata entro l’anno 2016. Successivamente Anas aveva garantito una conclusione dei lavori entro l’anno 2018. “Tra il 2017 e i primi mesi del 2018 si è assistito ad un’accelerazione dei lavori salvo poi manifestarsi un preoccupante graduale rallentamento fino ad arrivare in queste settimane alla smobilitazione di mezzi di cantiere e operai, come testimoniato da recenti notizie di stampa” afferma il sindaco nella nota inviata anche ai vertici di Anas e a tutti i deputati nazionali e regionali della provincia nissena.

“Certo della sua sensibilità sul tema – scrive il sindaco al ministro – mi trovo a dover segnalare i gravi disagi vissuti dalla popolazione, dalle imprese, dai pendolari, con ricadute su tutti gli ambiti dell’economia locale e del turismo. Sono consapevole che la realizzazione di una grande opera comporta disagi collaterali non indifferenti nei luoghi che da codesta vengono attraversati. Ma la dilatazione dei tempi rischia di generare danni irrimediabili all’economia. Si segnalano i ritardi su alcune opere di compensazione, l’aggravarsi delle condizioni strutturali di una viabilità secondaria già carente e sotto stress per l’eccessiva mole del traffico, anche di mezzi pesanti; la chiusura per problemi strutturali del viadotto San Giuliano sulla Ss640, arteria di fondamentale interesse per il transito in ingresso e uscita dalla città e per diversi centri dell’hinterland, per la cui messa in sicurezza manca ancora un cronoprogramma; le pessime condizioni della strada alternativa oggi utilizzata la Ss122 bis che Anas dovrebbe riqualificare e riasfaltare. Si tratta di problematiche già oggetto di accordo in sede di tavolo tecnico con Anas che però al momento non hanno sortito effetti”.

Il sindaco Ruvolo, chiedendo un intervento del ministro per verificare lo stato dell’arte ha sottolineando che il Comune di Caltanissetta “ha cercato negli anni la via del dialogo, seppure esponendo in modo netto le istanze del territorio, in nome del principio di collaborazione tra istituzioni”. In conclusione della lettera il sindaco di Caltanissetta rappresenta che tale situazione “rischia di pregiudicare il futuro di un’area del centro Sicilia che si sta sforzando di emergere dalla crisi e necessita di infrastrutture”.

Commenta su Facebook