Caltanissetta, il Polo Civico ha un nuovo esecutivo. L’assessore Tornatore sarà il coordinatore

497

L’assemblea del Polo Civico si è riunita giovedì 3 maggio  per discutere dello “stato di salute” del Movimento e per eleggere il nuovo  Esecutivo. Gli aderenti si sono ampiamente confrontati su diverse tematiche relative al movimento stesso, all’azione amministrativa e  alle prospettive politiche. L’intera assemblea ha riconosciuto il prezioso lavoro svolto dal coordinatore uscente, Ermanno Pasqualino, il quale ha avuto il merito di guidare con sicurezza e lungimiranza il movimento  e al quale va il più sincero ringraziamento per le tante energie spese in questi mesi.

Alla luce, anche, degli esiti elettorali regionali e nazionali, il Polo Civico ritiene che oggi più che mai il civismo ha  una responsabilità importante. La bocciatura di determinati sistemi e logiche partitiche, spartitorie e schizofreniche rispetto alle reali esigenze del Paese e della Regione, non può che convincerci sempre più che la strada intrapresa dal Movimento e dall’Amministrazione sia quella giusta. Attraverso, infatti,  strumenti partecipativi e di responsabilizzazione diretta dei cittadini è possibile recuperare il necessario legame tra i cittadini e la politica  e su questa strada il Movimento intende proseguire il suo percorso, per dare risposte concrete alla città.

Il “progetto città”,  così come è stato presentato in campagna elettorale, è un progetto ambizioso, complesso, articolato e necessita certamente di un tempo ampio per la realizzazione, non circoscrivibile all’interno di un quinquennio amministrativo. Diversi sono stati i traguardi raggiunti, tanto rimane da fare, molto di quello che è stato portato a termine è da comunicare correttamente perché tante volte il percepito è significativamente diverso dal dato reale.

Il Polo Civico, rinnovato al suo interno con un nuovo Esecutivo composto da Ludovico Gallo, Amalia Giugno, Stefano Modica, Silvia Pignatone, Nando Sutera, Carmelina Vinci, e il coordinatore Pasquale Tornatore,  ritiene necessario riprendere il colloquio e lo scambio continuo con tutte le componenti della comunità civile, cosi come è avvenuto in campagna elettorale e nei primissimi mesi della esperienza amministrativa. La città va infatti  informata, va investita di responsabilità e va coinvolta sempre di più, a partire dai giovani che se resi protagonisti di percorsi politici possono rinnovare e vivificare l’intera comunità cittadina. A maggior ragione ora che  sono chiari ed evidenti  i segnali dello sviluppo fra i nisseni di una mentalità nuova, propositiva , di corresponsabilizzazione, di reciprocità. Una particolare attenzione si intende prestare ai giovani, a partire dagli studenti delle scuole per arrivare ai millennians residenti e millennians lontani ma virtualmente vicini. Una città senza giovani è una città senza prospettiva di vita, le nostre energie allora vanno spese, innanzitutto, per dare spazio e voce a quanti devono essere i protagonisti della nostra civitas

L’impegno del Polo Civico va, dunque, in questa direzione: prosecuzione del lavoro di realizzazione del “progetto città”, sviluppo di tutti gli strumenti di partecipazione previsti dalle norme e apertura verso tutte le componenti attive della città, dai singoli cittadini, alle associazioni, agli organismi istituzionali, ai partiti.

Commenta su Facebook