Caltanissetta, nove daspo e tre avvisi orali del questore per il rave party di aprile

La notte del 24 aprile scorso, in pieno periodo di restrizioni per il contenimento della diffusione del Covid-19, un centinaio di giovani che partecipavano a un rave party non autorizzato, furono sorpresi dopo la mezzanotte dagli agenti delle volanti nella periferia cittadina in un’area del demanio forestale. I poliziotti, dopo il fuggi fuggi generale, fermarono e identificarono circa venti partecipanti, provenienti da diverse provincie dell’isola che furono denunciati per invasione di terreni o edifici aggravata. Nel corso del sopralluogo la polizia scientifica trovò postazione DJ con mixer e diffusori sonori, mini bar attrezzato per la somministrazione di bevande alcoliche e un gruppo elettrogeno al quale erano collegati le predette attrezzature. Nelle parti circostanti ai luoghi di svolgimento del rave party gli agenti sequestrarono contro ignoti diverse dosi di sostanze stupefacenti, abbandonate a terra nel corso della fuga: trentatré pasticche di ecstasy, diverse dosi di marijuana e di hashish. Marijuana e hashish per uso personale furono sequestrate anche nei confronti di due ventenni che, oltre alla denuncia per invasione di terreno e alla sanzione per la violazione delle misure di contenimento del Covid 19, furono segnalati per detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti. Al termine dell’iter amministrativo svolto dalla divisione polizia anticrimine della Questura, il Questore ha emesso nove provvedimenti Daspo, nei confronti di altrettanti partecipanti residenti fuori Caltanissetta e tre avvisi orali nei confronti di tre nisseni che parteciparono all’evento abusivo.

Commenta su Facebook