Caltanissetta. Negativo il tampone per coronavirus su paziente ricoverato al Sant’Elia

1677

E’ arrivato nel giro di poche ore da Palermo l’esito del tampone effettuato stamane su un paziente ricoverato all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta per la ricerca del Covid-19. L’esito dell’esame è risultato negativo. Le autorità sanitarie avevano valutato il paziente come “caso sospetto” sulla base delle indicazioni emanate dal ministero della Salute.

L’esame è stato svolto dal laboratorio di riferimento regionale per la Sorveglianza Epidemiologica e Virologica del policlinico universitario Paolo Giaccone di Palermo. Il paziente proveniva dalla Lombardia, da una struttura sanitaria, e manifestava sintomi come febbre alta e tosse poi diagnosticati come polmonite. L’insieme di queste due circostanze contemporaneamente fa scattare la procedura prevista per i casi che tecnicamente sono definiti come “sospetti”.

Al momento in Italia solo il 4 percento dei tamponi effettuati sono poi risultati positivi. Il ministero della Salute ha classificato tre tipologie di “casi” in riferimento alle operazioni di contenimento e diagnosi del Covid-19.

Il “Caso sospetto” è “una persona con infezione respiratoria acuta che nei 14 giorni precedenti l’insorgenza della sintomatologia, ha soddisfatto almeno una delle seguenti condizioni: storia di viaggi o residenza in Cina; oppure: contatto stretto con un caso probabile o confermato di infezione da SARS-CoV-2; oppure ha lavorato o ha frequentato una struttura sanitaria dove sono stati ricoverati pazienti con infezione da SARS-CoV-2”.

Sempre nelle “indicazioni e chiarimenti” del ministero si definisce il “Caso probabile”: “Un caso sospetto il cui risultato del test per SARS-CoV-2 è dubbio o inconcludente utilizzando protocolli specifici di Real Time PCR per SARS-CoV-2 presso i Laboratori di Riferimento Regionali individuati o è positivo utilizzando un test pan-coronavirus”. Infine un “Caso confermato”: “Un caso con una conferma di laboratorio effettuata presso il laboratorio di riferimento dell’Istituto Superiore di Sanità per infezione da SARS-CoV-2, indipendentemente dai segni e dai sintomi clinici”.

Commenta su Facebook