Caltanissetta, il tribunale annulla cartella esattoriale per canoni di attività estrattiva

229

Il minerale estratto e non tutto il materiale. Ruota su questo la sentenza del Tribunale di Caltanissetta che ha annullato una cartella esattoriale di Riscossione Sicilia alla cooperativa SL del capoluogo con cui veniva chiesto il pagamento di ingenti somme in favore dell’Assessorato dell’Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità della Regione Siciliana a titolo di canoni per la produzione di materiali di cava. Il calcolo dlele somme dovute era stato effettuato dall’assessorato sulla base di un combinato disposto di norme che il Tribunale ha smontato così come avevano chiesto gli avvocati della società che opera in una cava, Girolamo Rubino e Daniele Piazza, che hanno così ottnuto l’annullamento della cartella esattoriale.
In particolare, Rubino ed Piazza, hanno dedotto la non debenza delle somme iscritte a ruolo, in quanto l’Assessorato regionale aveva erroneamente quantificato le somme pretese a titolo di canone per attività estrattiva. L’amministrazione regionale aveva operato la quantificazione in base al disposto dell’art.12 della l.r. 15.5.2013 n.9, che rinviava ad un decreto assessoriale per la determinazione delle modalità applicative e di controllo del pagamento dei canoni. Ma il decreto 171 del 11.4.2014, nel frattempo era stato annullato dal TAR di Palermo con sentenza del 29.5.2015.
Proprio in ragione dell’annullamento del decreto assessoriale gli avvocati Rubino e Piazza  hanno sostenuto che sarebbe venuto meno l’atto presupposto sulla cui scorta l’Assessorato regionale aveva operato la quantificazione delle somme pretese a titolo di canone, commisurato al materiale estratto – criterio di calcolo del canone, dichiarato illegittimo dal giudice amministrativo – anziché al minerale estratto.
Il Tribunale di Caltanissetta, con sentenza del 9 febbraio 2021, in accoglimento delle tesi difensive degli Avv.ti Piazza e Rubino, ha annullato la cartella esattoriale e, pertanto, la cooperativa non dovrà corrispondere alla Riscossione Sicilia le somme richieste.

Commenta su Facebook