Caltanissetta, assemblea delegati Cgil: “Pace, lavoro stabile e giustizia sociale le nostre parole d’ordine”

Giovedì 9 giugno presso l’Hotel San Michele a Caltanissetta si è svolta un’assemblea delle delegate e dei delegati CGIL alla presenza della Segretaria Generale CGIL di Caltanissetta Rosanna Moncada e del Segretario Generale CGIL Sicilia Alfio Mannino . “Pace, Lavoro, Democrazia e Giustizia Sociale sono le parole con le quali vogliamo intraprendere un cammino insieme a tutte le nostre lavoratrici e ai nostri lavoratori, ai pensionati, alle associazioni e alle istituzioni lungo un percorso di grande condivisione e coinvolgimento che ci vedrà il 18 Giugno a Roma in una grande manifestazione nazionale”.

Per Moncada “stiamo attraversando un periodo buio per il nostro Paese; la pandemia, la guerra in Ucraina, la grave crisi del mondo del lavoro ci impongono di fare delle scelte importanti di assumere delle posizioni forti per ciò che intendiamo e vogliamo che si realizzi nel nostro Paese.

La Cgil si è impegnata da subito contro l’invasione russa e a sostegno del popolo ucraino per la difesa dei valori della democrazia e del diritto di un popolo ad autodeterminarsi e lo ha fatto anche attraverso aiuti umanitari e progetti d’accoglienza. Siamo convinti che la guerra non si ferma con altra guerra né con l’aumento delle spese militari ma attraverso un’azione diplomatica attiva per una pace duratura che deve proporsi come un elemento di garanzia contro la crescita di logiche nazionaliste, xenofobe e discriminatorie”.

Per la Cgil nissena, in linea con le posizioni del segretario Landini “è necessario affermare in Europa e nel mondo una cultura che deve garantire i diritti umani come universali e una politica d’accoglienza di tutti verso tutti. Ci siamo assunti un compito particolarmente importante, abbiamo l’obbligo e la responsabilità di instaurare una discussione aperta sulle proposte che avanziamo e come farle diventare azione sindacale concreta. Siamo convinti che bisogna rimettere al centro il lavoro e fare della giustizia sociale il parametro delle scelte politiche e di investimento; bisogna dire basta alla dilagante precarietà, al part time involontario, al finto lavoro autonomo, al lavoro povero e sommerso e puntare sul lavoro con pieni diritti e qualità”.

La Cgil di Caltanissetta ha portato avanti importanti vertenze e iniziative a sostegno del lavoro di qualità e contro la precarietà; tante sono state le iniziative a sostegno del servizio pubblico, della salute e della sicurezza. “Il nostro – prosegue Moncada – è un territorio particolarmente difficile e complicato in termini di occupazione e di stabile occupazione; non esiste un serio progetto di sviluppo che guardi al turismo, alla cultura, a un processo di transizione ecologica che investa in una nuova politica energetica di innovazione diretta alla creazione di filiere di interventi di riqualificazione delle città e dei territori, portatrice anche di nuova occupazione e sicuramente di occupazione di qualità . Ma il nostro è un punto di vista non sempre facile da sostenere che ci impone scelte doverose se vogliamo essere parte attiva di un processo che valorizzi e punti sul lavoro di qualità. Dobbiamo essere in grado di avere una visione e proporre anche un’idea di Paese e di Europa in cui il lavoro torni ad essere centrale nella ricostruzione di un modello sociale e mettere in campo un’iniziativa che vada esattamente verso questa direzione e che veda protagonisti le lavoratrici e i lavoratori”.

Commenta su Facebook