Caltanissetta, al museo Diocesano inaugurata la mostra fotografica Re-Velation

208

Sabato 27 Ottobre 2018 alle ore 17.30, al Museo Diocesano del Seminario Vescovile “G. Speciale” di Caltanissetta, S.E. il Vescovo Mons. Mario Russotto ha inaugurato  la mostra fotografica Re-Velation dell’artista Carla Iacono, che giunge a Caltanissetta dopo le tappe nei Musei Diocesani di Genova, Trento e Fidenza.

Attraverso venti immagini fotografiche Re-Velation affronta il delicato tema della manipolazione delle differenze culturali, a partire dalla situazione delle donne musulmane immigrate in Europa.

Il velo delle donne islamiche, nelle nostre società sempre più multietniche, è spesso al centro di vibranti discussioni di carattere politico, culturale, religioso, e legato in modo univoco all’Islam, dimenticando che esso è appartenuto anche alla cultura occidentale, benchè non se ne abbia più memoria. In Carla Iacono è rappresentato evocando le differenti culture che lo hanno adottato,principalmente l’hijab, ma anche veli cattoliciebraici e foulard dell’Europa dell’Est.

L’artista non prende posizione sull’uso del velo, ma scava nella storia per “rivelare” valori e significati nel pieno rispetto delle differenze e delle somiglianze tra le culture, sollecitando in chi osserva la riflessione e l’intenzione di porsi dalla parte degli altri.

Ha svolto la relazione introduttiva la storica Maria Giuseppina Muzzarelli, docente ordinaria di Storia Medievale al Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna e autrice di  A capo coperto. Storie di donne e di veli. La docente ha delineato un interessantissimo profilo storico-culturale-etno-antropologico dell’uso del velo nella società sia occidentale che orientale, evidenziando la valenza estetica-simbolica legata all’uso del velo nato per coprire le donne e utilizzato anche mezzo sottile e aereo per svelare la propria bellezza.

L’esposizione, allestita nelle sale del Museo Diocesano, resterà aperta dal 27 ottobre 2018 al 27 gennaio 2019 dal lunedì al sabato ore 9.30 – 12.30 e ore 16.00 – 18.00.

Commenta su Facebook