Caltanissetta, al liceo classico Ruggero Settimo “One man show” con Corrado Sillitti

483

Si terrà domani 21 gennaio alle 16 nell’aula magna del Liceo Classico, Linguistico e Coreutico “R. Settimo” diretto da Irene Cinzia Maria Collerone, il concerto di Corrado Sillitti “One man show”, un brillante spettacolo dall’artista oggi anche docente accompagnatore pianistico del liceo coreutico. La sua esibizione sarà accompagnata da brevi coreografie degli studenti guidati dalla professoressa Antonella Bruno. L’evento è inserito all’interno della stagione “I colori del pentagramma”, coordinata dalla prof.ssa Marcella Montoro.

Corrado Sillitti, musicista, compositore e cantautore, ex alunno della scuola è polistrumentista e abile intrattenitore e dedica completamente la propria vita alla musica e allo spettacolo. Nel 2006 è finalista al SanremoLab con il singolo “Richiesta d’amore” da lui stesso scritto e interpretato.
A partire dallo stesso anno si afferma anche come compositore di colonne sonore ed effetti scenici di musicals e commedie musicali rappresentati su tutto il territorio nazionale, collaborando con varie associazioni teatrali e in particolar modo con Francesco Miceli, promettente autore e regista siciliano. Compone anche jingles per network radiofonici nazionali come Radio DeeJay.
Inoltre si impegna come produttore e mette la propria esperienza a servizio dei giovani talenti siciliani. Numerosi brani da lui scritti e/o arrangiati hanno vinto premi nei più blasonati festival italiani.
Grazie alle sue doti musicali Corrado, nonostante la sua giovane età, è protagonista, dal 2009 a oggi, di diverse tournée nazionali ed internazionali: si esibisce in Italia, ma anche in Belgio, Olanda, Emirati Arabi. Gli strumenti studiati e suonati da Corrado, oltre al pianoforte, sono: la fisarmonica, il sax tenore e contralto, il mandolino, la chitarra e il basso elettrico.

Il concerto si preannuncia dinamico e coinvolgente e sarà accompagnato da un’introduzione storica della prof.ssa Laura Gallo ed una breve lezione di storia dell’arte della prof.ssa Nadia Rizzo.

 

Commenta su Facebook