Calcio. Pareggio per 1 a 1 tra Nissa e Ragusa. Proteste degli iblei per gol annullato

596

Nissa pre partitaLa Nissa di mister Tarcisio Catanese, completamente rinnovata per questo inizio di campionato, ha pareggiato nella prima gara casalinga (solo per il calendario, la partita si è giocata a Licata), contro il Ragusa a caccia dei primi punti. 1 a 1 il risultato finale con qualche rammarico da una parte e dall’altra e soprattutto con le proteste degli iblei per un gol annullato per fuorigioco all’attaccante Nassi che di testa aveva trafitto il portiere Iacono, ex del Ragusa, per la rete, poi annullata, che sarebbe valsa la sconfitta della Nissa.

Primo tempo equilibrato tra le due formazioni e gioco che sebbene fluido si ferma soprattutto al centrocampo. Le emozioni tutte nella ripresa. Al secondo minuto arriva il gol del vantaggio per gli iblei che siglano la rete con Panatteri. Lancio in profondità di Milazzo per Panatteri che trafigge il numero 1 biancoscudato in diagonale. E’ lo stesso copione del primo tempo, quando lo stesso Panatteri si era trovato a tu per tu con Iacono, ma questa volta il Ragusa segna il vantaggio.

Passano 15′ e la Nissa pareggia nella confusione in area. Il forcing dei nisseni riesce e sebbene il gol non sia spettacolare, vale il pareggio. A segnare è l’instancabile Bruno che spinge in rete al 14′ una palla svirgolata di stinco da Patanè che prende una traiettoia strana che nessuno riesce a prevedere.

1 a 1 e palla al centro. Nella restante mezz’ora di gioco il tecnico del Ragusa effettua tutti e tre i cambi mentre Catanese cambia solo due giocatori. A guidare le operazioni ci sono due vecchie conoscenze per entrambe le formazioni. Avola per la Nissa e Bonarrigo per il Ragusa. Quest’ultimo propizia il gol del possibile vantaggio ma per l’arbitro è viziato da fuorigioco di Nassi.

Le proteste dei ragusani portano a provvedimenti dell’arbitro che ammonisce Alderuccio. A fine partita saranno 5 gli ammoniti, tre per la Nissa e due per il Ragusa.

La Nissa, con il pareggio odierno, sale a due punti, si tratta del secondo pareggio consecutivo, tutto sommato un buon inizio di campionato. I biancoscudati dovranno stringere i denti per almeno un mese. Tanto, infatti, ci vorrà per poter disputare le partite casalinghe allo stadio Marco Tomaselli di Caltanissetta.

Commenta su Facebook