Calcio. Il ritorno di Cordaro alla Nissa. Il bomber subito in campo domenica al Tomaselli

638

Mariano Cordaro torna ad indossare la casacca della Nissa. Il trequartista sarà disponibile già da oggi per la gara di campionato contro la Mazarese alle 15 allo stadio Tomaselli di Pian del lago. Soddisfatto per l’ingaggio di Cordaro il direttore generale della Nissa, Arialdo Giammusso. “Abbiamo bisogno dell’aiuto dei tifosi. La vicinanza del pubblico che ci sostiene è quello che può portare in alto la Nissa che ha un blasone enorme. Se avremo l’incoraggiamento non mancheremo di chiedere qualcosa in più alla Lega Calcio e magari aspirare al ripescaggio in Eccellenza. Poi abbiamo il grande obiettivo della Coppa Italia in cui dimostrare che la Nissa è tornata ad essere ciò che era in passato”.

La società biancoscudata ha infatti rinforzato la squadra in ogni reparto con gli arrivi di giocatori di categoria superiore (Cordaro, Cipolla e Sciacca) e con bravissimi giocatori nisseni (D’Anna, Vasapolli e Privitera).

Quella di Mariano Cordaro è una carriera che lo ha visto muoversi a 360 gradi dalla sua terra, su e giù per la penisola rendendolo un vero globetrotter del calcio. La sua formazione si lega a Monreale (settore giovanile) e da lì verrà prelevato dalla Fiorentina. A 16 anni viene ceduto in prestito al Montemurlo (Eccellenza toscana) e poi fa ritorno in Sicilia, a Favara, dove vince il campionato di Eccellenza. L’anno successivo in Serie D, sempre a Favara e poi ancora in D con le maglie di Siracusa e Nissa. Tra il 2004 e il 2005 Cordaro va all’Ascoli in Serie B, prima con Ammazzalorso e poi con Giampaolo e ancora, in C, con la Rosetana, quindi in Serie D con le maglie di Licata, Akragas, Gaeta, Mazara, in Eccellenza con Acireale, Vittoria, Atl.Campofranco, Pro-Favara, Mussomeli, Canicattì, Paternò e in questa stagione di nuovo alla Pro Favara in Eccellenza. Un bomber di razza insomma che è tornato ad indossare una delle maglie che più ha amato in carriera, quella della Nissa, diventando un idolo dei tifosi biancoscudati.

Commenta su Facebook