Business agroalimentare in Tunisia. In corso gli incontri degli imprenditori nisseni

1016

E’ in corso a Tunisi la missione commerciale (“business to business”) di dieci imprenditori agricoli della provincia di Caltanissetta con altrettante imprese agricole tunisine. L’attività è inserita all’interno del progetto “Agromed Quality” finanziato alla Provincia Regionale di Caltanissetta con i fondi del programma Italia-Tunisia 2007/2013. Il progetto ha l’obiettivo di realizzare delle piattaforme comuni alle due sponde del Mediterraneo, in particolare tra le aziende agricole dei due territori transfrontalieri.

In precedenza, con i fondi del progetto, sono state realizzate numerose attività tra le quali quelle di formazione rivolte agli operatori agricoli italiani e tunisini per implementare i sistemi innovativi per la produzione di qualità, e per informarli sui sistemi di sicurezza alimentare, sul marketing e sulla commercializzazione dei prodotti agricoli nei mercati internazionali. L’incontro tra le due diverse realtà produttive rappresenta il cuore del progetto che tende al rafforzamento comune dei sistemi produttivi dell’agricoltura.

Sono in corso trattative tra gli imprenditori nisseni e quelli tunisini, e molti sono i contatti che vanno al di là dei semplici scambi di conoscenze ed informazioni. E’ stata altresì prevista la visita, da parte di alcune delle nostre imprese, delle omologhe aziende tunisine per una diretta conoscenza dei luoghi e delle possibili partnership che potranno nascere. L’interesse delle imprese è via via maturato anche in considerazione della volontà che mostrano le aziende tunisine a stringere rapporti con i siciliani.

La cooperazione rimane quindi la nuova frontiera per meglio produrre e commercializzare i prodotti agricoli che, per entrambe le realtà, sono identiche: carciofi, uva, olio, frutta, ecc.

Alla missione partecipano i rappresentanti dell’Ufficio Europa della Provincia Regionale di Caltanissetta dott. Sergio Scarciotta e perito agrario Massimo Volo, che sono anche i responsabili delle attività progettuali.

Commenta su Facebook