Bus urbani, si ripete il cliché. Riduzione corse e dal 7 aprile stop al trasporto pubblico

929

Si ripete il cliché. La Scat annuncia una riduzione drastica delle corse e dal 7 aprile il blocco totale del trasporto pubblico. Lo fa con un comunicato in cui spiega le ragioni.

“Si porta a conoscenza la cittadinanza che a causa del mancato incasso dei corrispettivi contrattuali dovuti alla cooperativa per l’erogazione del servizio, avendo raggiunto il credito nei confronti dell’Amministrazione Comunale, un importo molto elevato, non essendo piu’ nella condizione finanziaria di potere acquistare il carburante per rifornire i bus, oltre che fronteggiare la gravissima situazione che ormai da troppo tempo vivono i lavoratori soci della cooperativa i quali, nonostante abbiano preso il mese scorso solo un acconto sulla retribuzione di giugno 2013, ed hanno continuato a lavorare garantendo il servizio alla città, da lunedì 31 marzo, i servizi saranno ulteriormente ridotti come di seguito specificato”:

linea n. 1 – orari corse: 7.10 – 9.10 – 11.10 – 13.10 – 14.10 – 16.10 – 18.10 – 20.10; orari di collegamento con l’ospedale 7.10 – 13.10 – 14.10 – 18.10.

linea n. 2 – orari corse: 7.30 – 8.00 – 10.00 – 12.00 – 14.00 – 15.00 – 17.00 – 19.00 – 20.00.

linea n. 3 – orari corse: 7.40 – 8.45 – 10.45 – 12.45 – 14.45 – 16.45 – 18.45 – 20.45.

linea n. 4 – orari corse: 7.30 – 8.00 – 10.00 – 12.00 – 14.00 – 16.00 – 18 00 – 20.00.

linea n. 5 – orari corse: 7.10 – 9.10 – 11.10 – 13.10 – 15.10 – 17.10 – 19.10 – 20.40.

linea n. 6 – orari corse da Corso Umberto: 7.40 – 9.40 – 11.40 – 13.40.

corse scolastiche:

Santa Barbara 7.45

San Luca 7.45

I servizi di collegamento con il Cimitero Angeli e con il Mercatino di Pian del Lago saranno garantiti.

“Inoltre, se l’Amministrazione Comunale non provvederà a pagare quanto dovuto, a far data 7 aprile, saremo costretti nostro malgrado a sospendere totalmente i servizi. Sara’ nostra cura comunicare tempestivamente alla cittadinanza, anche attraverso gli organi di stampa, ulteriori aggiornamenti”, conclude la direzione della Scat.

 

Commenta su Facebook