Buoni pasto o decreti ingiuntivi. L’ultimatum del Nursind all’Asp2

663

“Sono trascorsi ben 15 mesi dall’approvazione del Contratto Collettivo Integrativo Aziendale, di quello che doveva essere la rivoluzione epocale di questa ASP ed ancor un solo risultato utile deve produrlo”. Lo afferma in una nota il segretario del sindacato degli infermieri Nursind, Osvaldo Barba, lamentando la mancata erogazione dei buoni pasto e annunciando il possibile ricorso ai decreti ingiuntivi contro l’amministrazione dell’azienda sanitaria.
“Molti dei dipendenti ospedalieri attendono ormai esasperati l’erogazione dei buoni pasto che, alla data odierna, non sono stati mai consegnati per ragioni pressoché incomprensibili. A noi giungono ogni giorno decine di telefonate, di iscritti e non, che chiedono di conoscere le ragioni di una disparità di trattamento tra dipendenti considerando che gli amministrativi e il personale del territorio percepiscono il buono pasto da tempo. Onestamente non sappiamo cosa rispondere”.
“Per quel che ci riguarda attendiamo non oltre il 15 di questo mese per sapere se i buoni pasto verranno erogati agli aventi diritto. Se ciò non dovesse accadere – conclude il Nursind – essendo gli stessi dei crediti certi, liquidi ed esigibili presenteremo un atto ingiuntivo per ogni nostro iscritto che riterrà opportuno avere il giusto compenso”.

foto Archivio

Commenta su Facebook