Bretella A-19. Occupano il cantiere per avere risposte sui tempi di apertura. La protesta dei consiglieri per avere spiegazioni sui ritardi

1645

Un gruppo di consiglieri comunali che occupa il cantiere di un’opera pubblica per comprendere i motivi dei ritardi sulla tabella di marcia annunciata dalla stessa impresa aggiudicataria non si era mai visto. Si sono presentati di buon mattino presso il cantiere della bretella autostradale sulla A-19 i consiglieri Alessandro Maira, Rino Bellavia, Francesco Dolce, Lorenzo La Rocca, Gianluca Bruzzaniti, Guido Delpopolo, Rita Daniele, Manuela Margherita e Valeria Alaimo, per dare vita ad una manifestazione di protesta, pacifica e non autorizzata.

I consiglieri hanno bloccato l’accesso al cantiere stesso, protestando per i continui rinvii della data di ri-apertura dell’arteria di collegamento, rimandata di mese in mese, provocando enormi disagi a chi ogni giorno (aziende e pendolari) è costretto ad allungare i tempi di percorrenza per raggiungere l’autostrada PA-CT.

“Abbiamo voluto rappresentare con forza le istanze di un’intera comunità, stanca dei continui rinvii sulla data di riapertura della bretella”, fanno sapere i consiglieri comunali. La protesta si è interrotta soltanto dopo che hanno ottenuto un colloquio con il responsabile dei lavori, Ing. Barra.

Ai presenti sono state fornite rassicurazioni circa l’apertura, entro il mese di Gennaio, del tratto di lavori che conduce al nodo autostradale ed i consiglieri, viste le promesse disattese degli ultimi mesi, hanno preteso che la ditta appaltatrice dei lavori fornisca, nella sede di Palazzo del Carmine, notizie certe ed ufficiali. In tal senso, dopo un colloquio telefonico con l’on. Tonino Russo (responsabile CMC dei rapporti istituzionali), è stato stabilito un incontro al Comune lunedì prossimo con i vertici della società contraente generale dell’appalto per il raddoppio della SS 640.

All’incontro, che si svolgerà nell’aula consiliare di Palazzo del Carmine, saranno invitati il Prefetto Maria Teresa Cucinotta, il sindaco Ruvolo e l’ANAS.

A detta dei consiglieri quella di Lunedì sarà anche l’occasione per discutere delle opere di compensazione, sulle quali vi sono ancora troppe incertezze e dubbi.

“La nostra Città – concludono – merita rispetto, risposte chiare e definitive; attendiamo l’incontro di Lunedì, dopo di che vigileremo su quanto accadrà e se sarà il caso metteremo in scena forme di protesta ancora più eclatanti, coinvolgendo i nostri concittadini, ormai stanchi di vedere violati i propri diritti”.

 

Commenta su Facebook