Box prefabbricati per 30 posti in terapia intensiva a Gela. Indagine di mercato dell’azienda sanitaria

106

L’ospedale Vittorio Emanuele di Gela, tramite il distretto ospedaliero ha avviato un’indagine di mercato per la fornitura chiavi in mano di box prefabbricati per la realizzazione di 30 posti letto di terapia intensiva. E’ quanto si legge nell’atto amministrativo emanato il 14 ottobre scorso a poche ore dalla riapertura del reparto di malattie infettive covid del nosocomio gelese. L’indagine di mercato è rivolta a tutte le ditte specializzate del settore. L’esigenza di posti letto di cure intensive è determinata dall’aumento di casi a Gela e di conseguenti ricoveri (al momento i positivi sono 165). Nel nosocomio gelese sono presenti 8 posti di terapia intensiva e sono in corso i lavori per la realizzazione di un nuovo padiglione per altri 10 posti letto.

L’ospedale gelese non sarebbe il primo in Italia a ricorrere in fase di emergenza coronavirus all’utilizzo di box prefabbricati da destinare alle cure intensive.

nella foto una struttura prefabbricata installata in un ospedale pugliese 

Commenta su Facebook