Botti di Capodanno. Amputata la mano a un ventenne catanese

348

A un ventenne di Paternó, nel Catanese, è stata amputata la mano destra per le ferite riportate a causa dell’esplosione di un grosso petardo che stava maneggiando. L’intervento è avvenuto nell’ospedale Cannizzaro di Catania. All’ospedale Garibaldi un uomo di 76 anni ha avuto amputato un dito della mano sinistra. L’anziano, che vive nel rione Monte Po, ha detto ai medici di essere stato ferito da un colpo di arma da fuoco. Sui due episodi indagano i carabinieri.
Sette i feriti portati negli ospedali di Palermo per l’esplosione dei botti. I casi più seri riguardano un uomo di 45 anni ricoverato al Policlinico di Palermo, dove gli sono state amputate due dita della mano; nel reparto di chirurgia plastica del Civico sono state ricoverate due persone: una a causa di ferite alle mani provocate da un petardo e l’altra per una ferita d’arma da fuoco provocata da un colpo sparato durante i festeggiamenti. Gll ultimi due sono stati trasportati nel capoluogo siciliano da Trapani e da San Cataldo, nel Nisseno.
Numerosi gli interventi del vigili del fuoco, soprattutto per incendi di cassonetti: 45 a Palermo e 30 a Catania.

(ANSA)

Commenta su Facebook