Bimbo di pochi mesi rischia di soffocare. Salvato dalla prontezza fulminea degli agenti

878

A Caltanissetta un bimbo che ha avuto improvvisamente grosse difficoltà respiratorie è stato portato dalla Volante in pochissimi minuti al pronto soccorso e ha superato la crisi, risultando di vitale importanza la prontezza e velocità degli agenti.

Tutto è successo qualche giorno fa durante il turno di notte di una pattuglia della questura di Palermo in servizio di supporto a Caltanissetta. Erano passati pochi minuti dalla mezzanotte e stavano facendo il classico giro di perlustrazione nella zona competente quando un uomo in moto li ha avvisati che poco distante si sentiva una donna chiedere aiuto. Sono corsi sul posto e hanno trovato questa donna, scalza che con un bimbo in braccio era in mezzo alla strada disperata. Il bambino era cianotico e con la testa riversa. Senza neanche aspettare un secondo li hanno caricati in macchina e via a sirene spiegate verso il pronto soccorso ma non prima di aver steso il bambino nella posizione più idonea per favorirgli la respirazione. Il tempo di aspettare il 118 non c’era. E appena arrivati al pronto soccorso li hanno scortati subito dentro in modo da aiutare i medici a metterci il minor tempo possibile a soccorrere il piccolo. Missione compiuta perché il bimbo con le cure mediche si è ripreso sotto lo sguardo ancora terrorizzato della mamma. I nonni che sono arrivati pochi minuti dopo li hanno trovati sani e salvi e la classica foto ricordo sarà qualcosa da far vedere un giorno a questo piccoletto che ha davvero fatto correre tutti quella notte.

Commenta su Facebook