Biancoscudati in trasferta a Castelbuono. Serve una prova gagliarda per uscire indenni

1043

 (di Vincenzo Di Maria) È tempo di cambiare, di dare una forte sterzata a questo campionato a partire da domenica. Perché la classifica è corta e non bisogna mollare in alcun modo la presa. I biancoscudati, di scena a Castelbuono, affronteranno una formazione agguerrita che è distante soltanto due punti dalla formazione guidata da mister Sferrazza. Si preannuncia una gara insidiosa, sia per il fattore campo ma soprattutto per il fatto che i padroni di casa hanno fermato la corsa, tra le mura amiche, di corazzate come Paceco e Troina. Un’altra nota statistica,il

Castelbuono non conosce sconfitta in casa, ed ha sempre realizzato almeno una rete agli avversari. Si spera che i biancoscudati possano disputare una partita gagliarda, sfatando questo tabù. Fare risultato pieno, per allontanare lo spettro del sesto pareggio consecutivo che potrebbe stavolta incidere negativamente sul buon rendimento sinora dei nisseni. Bisogna rispettare l’avversario ma nello stesso tempo giocare con l’atteggiamento di chi vuole imporre il proprio gioco senza timore alcuno. Solo così si può uscire indenni dal Comunale di Castelbuono. Non sarà della gara quasi sicuramente Baracchini, uscito giovedì dal campo per un problema alla spalla. In dubbio anche Martorana per un forte risentimento agli adduttori, per lui si ipotizza uno stop. Per il resto tutti abili e arruolati. Arbitra l’incontro il sig. Gangi di Enna, coadiuvato dagli assistenti Damiano e Cucci entrambi di Trapani. Fischio d’inizio alle ore 15 con diretta radiofonica su Radio CL1 intorno alle 14.50.

Commenta su Facebook