Benzinai in sciopero il 4 e 5 agosto. Dal 30 luglio stop a pagamenti con bancomat. La protesta contro le compagnie petrolifere

672

Benzinai ScioperoScoppia la protesta dei gestori di impianti di carburanti, che hanno avviato la campagna di mobilitazione contro le compagnie petrolifere, denunciando la posizione dominante nei loro confronti. Si arriverà così allo sciopero totale dei benzinai il 4 e 5 agosto. Nei giorni scorsi si sono tenute le assemblee delle federazioni di FIGISC Confcommercio e FIAB Confesercenti dei gestori degli impianti di carburante. Riunioni convocate anche in relazione alla campagna sconti, che le Compagnie petrolifere, in primis l’azienda di stato, hanno messo in piedi per far dimenticare agli italiani gli aumenti delle imposte sui carburanti: dall’inizio degli sconti, il costo del carburante è aumentato di 7 centesimi ma il margine del gestore è rimasto di 4 centesimi litro. In un anno le imposte sono aumentate da 21 a 23 centesimi. “L’industria petrolifera – afferma la FIGISC Confcommercio – mira ad espellere dal sistema distributivo l’impresa del Gestore e operare con self service. La categoria ha proclamato la mobilitazione. Si inizia questa settimana con la campagna informativa. Da lunedì 30 luglio sospensione dei pagamenti di benzina tramite bancomat e giorno 4 e 5 luglio, la chiusura degli impianti e anche dei self service.

Commenta su Facebook