Beni sequestrati alla criminalità: rapporti tra attività di gestione ed esercizio del credito

2230

Si è tenuto martedì pomeriggio nell’aula magna “Saetta e Livatino” del Tribunale di Caltanissetta, il convegno: “Amministrazione Giudiziaria: rapporto tra la gestione dei beni sequestrati alla criminalità e l’esercizio del credito”, organizzato dall’Associazione Radici della Legalità, unitamente all’ordine degli Avvocati ed alla Scuola Superiore della Magistratura, con il patrocinio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Caltanissetta e della Fondazione Nazionale Commercialisti.

13441670_1092688137454627_607704392_oL’evento ha preso spunto dal Protocollo d’Intesa sottoscritto dal Tribunale di Caltanissetta il 16/12/2015, insieme ai Tribunali di Palermo e Trapani con l’ABI (Associazione Bancaria Italiana) per l’istituzione di un tavolo tecnico tra l’Ufficio giudiziario, l’amministratore giudiziario e il rappresentante regionale dell’ABI, allo scopo di favorire una gestione dinamica delle aziende in sequestro e supportarne la gestione finanziariamente, con finalità di garanzia sociale, a salvaguardia della produzione e dell’occupazione dei lavoratori operanti nell’azienda stessa, garantendo, il mantenimento o addirittura la concessione delle linee di credito necessarie alla prosecuzione dell’attività d’impresa.

Al Convegno sono intervenuti quali relatori: il Direttore dell’Agenzia Nazionale dei Beni Sequestrati e Confiscati (ANBSC), il Prefetto Umberto Postiglione; il Responsabile dell’Ufficio Affari Legali dell’ABI, Avv. Giovanni Staiano; il Sostituto Procuratore generale c/o la Corte di Cassazione Dott. Antonio Balsamo; il Presidente della Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Caltanissetta Dott. Mario Amato e l’Avv. Luca D’Amore Amministratore Giudiziario e ricercatore presso la Fondazione Nazionale dei Commercialisti.13441611_1092688187454622_1945218804_o

Sono intervenuti anche il Consigliere di Corte di Appello Dottore Giovanbattista Tona ed il neo Presidente del Tribunale di Caltanissetta Dott. Daniele Marraffa.

“L’Associazione Radici della Legalità è pienamente soddisfatta della riuscita del Convegno; ringrazia gli Ordini professionali per essere intervenuti così numerosi, le Istituzioni, la Scuola Superiore della Magistratura, la Scuola Forense ed i relatori, i quali hanno sviluppato la materia in maniera assolutamente corposa, ribadendo la necessità ancora più importante di creare una comunicazione tra il mondo bancario ed il mondo dell’Amministrazione Giudiziaria” affermano i rappresentanti dell’Associazione Avv. Eugenia Muzzillo e Dott. Angelo Pio Cammalleri.

Commenta su Facebook